Una donna canadese di 35 anni è stata stuprata in un locale di Firenze da quattro dipendenti. La scena è stata ripresa col cellulare.

Una donna di 35 anni residente in Canada ha subito uno stupro di gruppo. Nell’indagine sulla vicenda sono coinvolti quattro ragazzi, che negano lo stupro: secondo la loro versione, la 35enne sarebbe stata consenziente. La 35 enne ha sporto denuncia. I quattro accusati sono tutti residenti nel Chianti.  

Il teatro dello stupro è un locale di Impruneta, situato in provincia di Firenze. La turista canadese, vittima dello stupro, ha denunciato il locale. Il fatto risale a venerdì scorso, 29 luglio. Attualmente sono in corso le indagini per capire quale sia l’esatta dinamica dei fatti. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La dinamica dei fatti

Il fatto ha avuto luogo nel locale di Firenze, situato in centro. Nella vicenda sono coinvolte quattro persone, tutti dipendenti che lavorano nel locale. I quattro si sarebbero appartati con la 35enne. Due di loro l’avrebbero stuprata, mentre altri due sono rimasti a guardare, mentre filmavano con i loro telefoni cellulari. Successivamente avrebbero inviato il video ad altre persone. 

Tribunale

Secondo gli investigatori, la donna sarebbe stata ubriaca al momento dello stupro. Secondo la versione dei dipendenti, la donna sarebbe stata consenziente. Gli autori dello stupro sono un italiano e tre stranieri. La vicenda sarebbe accaduta nel seminterrato del locale. La mattina, all’alba, la donna ha chiesto aiuto in un bar situato vicino alla piazza di Impruneta.

Adesso i quattro dovranno rispondere alle accuse di violenza sessuale di gruppo. Nel frattempo, gli inquirenti hanno acquisito il video girato dai carnefici. Ad occuparsi del caso la pubblica ministera Beatrice Giunti. Il fatto che la donna fosse ubriaca, potrebbe costituire un aggravante per gli autori del disdicevole gesto. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 03-08-2022


Viviana Parisi, trovata morta insieme al figlio: caso di omicidio-suicidio? 

Marco Cappato si autodenuncia per l’eutanasia su Elena