Un uomo di 40 anni si è suicidato a Taranto dopo aver tentato di uccidere la moglie. Le condizioni della donna non sono gravi.

TARANTO – Un uomo di 40 anni a Taranto si è suicidato dopo aver tentato di uccidere la moglie con un paio di forbici. L’ennesimo dramma familiare è avvenuto nella notte tra il 24 e il 25 luglio 2021. Secondo una prima ricostruzione, la vittima ha prima colpito allo sterno e al mento la donna e poi si è lanciato nel vuoto.

Il corpo senza vita è stato rinvenuto proprio dalla donna nel tentativo di fuggire con i figli. Immediata la chiamata ai soccorsi, ma il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. E’ stata aperta un’indagine per ricostruire meglio quanto successo.

40enne tenta di uccidere la moglie e poi si toglie la vita, indagini in corso

Le indagini su quanto successo a Taranto sono ancora in corso. Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo ha prima colpito la moglie con le forbici allo sterno e al mento e poi si è lanciato nel vuoto dal quinto piano. Un volo che è stato fatale per il 40enne nonostante l’intervento immediato da parte del personale sanitario.

I soccorsi, infatti, sono stati chiamati dalla stessa donna dopo aver assistito durante il tentativo di fuga all’impatto con il suolo dell’uomo. Il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso del marito.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Polizia
Polizia

Uomo uccide la moglie a Taranto in preda ad un raptus

Un episodio molto simile sempre a Taranto è avvenuto nel pomeriggio di venerdì 23 luglio quando un uomo di 75 anni, molto probabilmente in preda ad un raptus, ha tolto la vita alla moglie e poi ha tentato il suicidio con la stessa arma.

In questo caso, però, il marito della vittima è rimasto ferito solamente in modo non grave e le sue condizioni non sembrano preoccupare i medici.


Papa Francesco: “I nonni hanno diritto a sognare guardando i giovani” – VIDEO

Mafia, morto il boss Antonino Bonafede. Era ai domiciliari dal 2017