Superbike, Jonathan Rea ha vinto la Gara-1 del GP di Aragon. Sul podio di questa gara Sam Lowes e Razgatlioglu.

ARAGON (SPAGNA) – Jonathan Rea ha vinto Gara-1 del GP di Aragon, primo appuntamento con il Mondiale di Superbike. Un successo fondamentale per il britannico, alla sua centesima vittoria in questa manifestazione. Sicuramente un grande inizio per l’inglese che ha concluso davanti al compagno di squadra Alex Lowes e un buon Razgatlioglu.

Una prova che non è riuscita a vedere gli italiani tra i protagonisti. Michael Rinaldi ha terminato in decima posizione, mentre Andrea Locatelli ha terminato la sua prova in nona posizione.

La gara

E’ stata una gara dominata da Jonathan Rea. Il ritmo del britannico non è riuscito ad essere tenuto da nessuno. L’unico a provarci è stato Alex Lowes. Il compagno di squadra del vincitore, però, con il passare dei giri ha visto scendere il suo rendimento delle gomme e, di conseguenza, si è dovuto accontentare di un secondo posto davanti al turco Razgatlioglu.

Per Rea è stata una vera e propria gara solitaria. Un successo che consente al britannico di iniziare al meglio il campionato e lanciare un chiaro messaggio ai diretti rivali. Sicuramente la seconda gara ad Aragon rischia di essere un esame importante per il futuro.

Superbike
fonte foto https://www.facebook.com/WorldSBK/

Rea a caccia della conferma

Per Rea Gara-2 potrebbe essere un esame importante. L’obiettivo resta quello di riuscire a confermare quanto fatto vedere all’esordio, ma non sarà sicuramente semplice considerando la voglia di molti corridori di riscattarsi e rimanere in scia del britannico.

Il Mondiale, infatti, è ancora agli inizi ed cominciare ora nel migliore dei modi è sicuramente un buon risultato in ottica futura. Ci attendiamo una competizione molto equilibrata con i singoli dettagli destinati a fare la differenza e, sicuramente, le prossime gare potrebbero dare una indicazione importante.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/WorldSBK/


Quali sono le auto più affidabili

Jean Todt: “Vedo Schumacher due volte al mese”