Supercoppa Primavera Tim, Colidio regala il trofeo all’Inter. Roma battuta ai supplementari

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Grazie alla doppietta del talento Colidio l’Inter conquista il primo trofeo della Primavera. La Roma viene piegata ai supplementari.

MILANO – San Siro si tinge di nerazzurro nel pomeriggio odierno. Mentre la prima squadra fatica, l’Inter Primavera trionfa nella Supercoppa, conquistando il primo trofeo stagionale. La Roma viene sconfitta ai supplementari per 2-1 al termine di un match molto accesso.

Botta e risposta – Partenza sprint con Inter e Roma che si rispondono in pochissimi. Passano 180″ e sono i nerazzurri a trovare il vantaggio con Colidio, bravo a ribadire in rete una respinta di Romagnoli sulla conclusione di Emmers. La reazione giallorossa arriva dopo solo 3′. In contropiede Riccardi mette una palla in area che Pissardo smanaccia verso il limite dell’area di rigore. Marcucci raccoglie la palla e con un pallonetto firma il pareggio. Il match prosegue con tante occasioni a testa ma il risultato non cambia nei 90′. Nei supplementari il risultato di parità dura fino al 118′: Colidio in rovesciata sfrutta un’uscita sbagliata di Romagnoli e firma la rete che regala il trofeo alla squadra di Vecchi.

Supercoppa Primavera Tim, Inter-Roma 2-1: il tabellino

Marcatori: 3′, 118′ Colidio (I), 6′ Marcucci (R)

Inter (4-4-2): Pissardo; Valietti, Bettella, Lombardoni, Sala; Rada (88′ Belkehir), Brignoli (60′ Rover), Danso, Emmers; Odgaard (113′ Merola), Colidio. A disp. Tintori, Dekic, Nolan, Schirò, Corrado, Gnoukouri, Gavioli, Zappa, Mutton. All. Vecchi

Roma (4-3-3): Romagnoli L.; Bouah (119′ Besujen), Cargnelutti (86′ Ciofi), Ciavattini, Valeau; Riccardi (81′ Masangu), Marcucci, Sdaigui; Meadows, Celar, Antonucci. A disp. Greco S., Ciofi, Diallo Ba, Kastrati, Petruccelli, Petrungaro, Pezzella, Trusescu, Cappa. All. De Rossi

Arbitro: Sig. Manuel Volpi di Arezzo

Ammoniti: Brignoli, Danso, Sala (I); Ciavattini, Cargnelutti, Marcucci (R)
Espulsi: Marcucci (R) per proteste

IL MIGLIORE – Facundo Colidio: in Argentina ne parlano molto bene ed oggi ha dimostrato le sue qualità. Non solo la doppietta decisiva, ma giocate di alta fattura. VOTO 9

IL PEGGIORE – Dario Vittorio Meadows: ci si aspettava qualcosa in più dal talento italo-britannico. Prestazione non all’altezza delle sue qualità. VOTO 5.5

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 07-01-2018

Francesco Spagnolo