La Superluna dei fiori. Nella notte tra il 26 e il 27 maggio la Terra e la Luna raggiungono la loro distanza minima.

ROMA – E’ tutto pronto per la Superluna dei fiori. Nella notte tra il 26 e il 27 maggio la Terra e la Luna raggiungono la loro minima distanza, con gli italiani (e non solo) che potranno assistere ad uno spettacolo che non capita tutti i giorni. L’eclissi totale sarà visibile in Australia, in Asia sudorientale e le Americhe occidenti.

Per quanto riguarda il nostro Paese, invece, si dovrebbe assistere ad un disco pieno, leggermente più brillante e grande del solito.

Perché si chiama Superluna dei fiori?

La Superluna di questo fine maggio è stata denominata dei fiori perché cade all’apogeo di primavera. E, come precisa anche La Repubblica, nel complesso si può chiamare Superluna sangue dei fiori. Si tratta di una Superluna molto più grande rispetto a quella del 26 aprile.

In questo mese, infatti, la Terra e la Luna si sono avvicinate ancora di più e il disco lunare apparirà del 7% più largo e del 15% più brillante rispetto ad una serata normale. Una variazione che difficilmente sarà apprezzabile ad occhio nudo anche per l’inquinamento luminoso. Ma ci sarà l’opportunità per tutti gli appassionati di poter ammirare con degli strumenti specifici questo spettacolo.

Sole e Terra
Sole e Terra

Come vedere la Superluna

Ci sarà la possibilità di ammirare la Superluna dei fiori sul sito dell’Inaf a partire dalle 21:30. Una trasmissione che vedrà la presenza di Samantha Cristoforetti e diversi ospiti per raccontare meglio questo fenomeno. L’eclissi, visibile perfettamente alle Hawaii, durerà solamente 15 minuti, ma l’ombra della Terra lambirà la Luna per ben cinque ore.

Proprio per questo motivo l’Esa ha deciso di iniziare una diretta dalle 11:30. Uno spettacolo sicuramente da vedere e saranno molti gli italiani che nella serata di mercoledì 26 alzeranno gli al cielo per assistere a questo


Salvini indagato per i voli di Stato, la Procura chiede l’archiviazione

Incidente Zanardi, il giudice si riserva sull’archiviazione