Suso ritrova la corsia esterna e ripaga abbattendo il Chievo a suon di gol, assist e dribbling. Lo spagnolo è la vera marcia in più del Milan.

E come al solito nei momenti di difficoltà ci pensa Suso. Il Milan alla deriva trova di nuovo il suo trascinatore, Montella lo accontenta, perfeziona il nuovo modulo con la difesa a tre disegnando anche contro il Chievo un 3-4-2-1 che consente allo spagnolo di giocare largo sulla destra e lui ripaga con un gol decisivo nell’economia della gara, propiziando l’autogol di Cesar e dando il la all’azione del terzo gol della squadra, quello messo a segno da Calhanoglu.

Milan Suso

Suso, dalle critiche a Verona

L’ex Liverpool ha passato un’estate tutt’altro che tranquilla dopo aver vestito i panni del protagonista indiscusso almeno fino al momento del suo infortunio e fino all’esplosione di Deulofeu che ha rubato la scena un po’ a tutti Durante l’estate le sirene del calciomercato lo hanno accostato prima alla Roma poi al Manchester City, tanto per citarne alcune, invece la dirigenza rossonera ha fatto muro spedendo al mittente tutte le richieste e strappando alllo spagnolo un rinnovo scaccia pensieri. Certo, la clausola di cinquanta milioni sulla testa fa paura, ma intanto il giocatore resta rossonero. Dopo un inzio di stagione convincente lo spagnolo è stato dirottato al centro del campo nel ruolo di seconda punta e il suo rendimento è calato inesorabilmente a suon di insufficienze. Il Milan è entrato con lui in un momento di crisi di gioco e risultati, poi l’innovazione dell’Aeroplanino, lo spostamento di Suso sulla trequarti, i quattro gol al Chievo, il sinistro a giro, la Juventus nel mirino, e chissà, magari tra un mese si tornerà a parlare di Champions League anche nella Milano rossonera.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio copertina milan Suso

ultimo aggiornamento: 26-10-2017


Montella: “Segnale importante oggi, ma dobbiamo proseguire sabato”

26/10/1988, Coppa dei Campioni: Milan-Stella Rossa 1-1 nella gara d’andata