Suso segna da esterno ma Montella insiste: sarà ancora seconda punta

Suso e Montella, due destini che non si uniscono? Lo spagnolo manda segnali da esterno, il tecnico lo vuole seconda punta con libertà di movimento.

Continua in casa Milan a tenere banco il caso Suso, trascinatore della squadra nel corso della passata stagione, blindato dalla società che ha rifiutato ogni offerta per lui prima di prolungargli il contratto con una clausola che non spaventa le big d’Europa, messo ai margini da Montella dopo il passaggio al 3-5-2 e poi rilanciato dallo stesso allenatore nelle vesti di seconda punta, ruolo che sembra non premiare le caratteristiche dello spagnolo. Anche in occasione di Inter-Milan, l’ex Liverpool ha giocato un primo tempo sostanzialmente anonimo fino a quando non si è ritrovato a fare la mezzala nella ripresa, ruolo non proprio gradito ma che almeno lo ha riportato sull’esterno, zona, quella sì, che a Suso piace e diverte. Non avrà brillato magari, ma nei secondi quarantacinque minuti si è visto e ha pure segnato, roba non da poco visto il momento dei rossoneri.

Milan-Udinese difesa a tre Vincenzo Montella
Vincenzo Montella

Ma Montella insiste: Suso seconda punta può esplodere

Secondo quanto è possibile ricostruire dalle dichiarazioni di Vincenzo Montella e secondo quanto emerge da Milanello, il tecnico rossonero non è intenzionato a fare passi indietro nonostante le tre sconfitte consecutive incassate in campionato: avanti dunque con il 3-5-2 e avanti con Suso alle spalle dell’attaccante vero, di ruolo. L’unica cosa che potrebbe cambiare è l’undici iniziale, e stando così le cose per Suso le strade sono due, piacciano o meno, convincano o meno: o rende da seconda punta o va in panchina.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 17-10-2017

Nicolò Olia

X