Sorteggiato il tabellone di Wimbledon. Sinner apre con Fucsovic, Berrettini contro Pella. Per il romano ostacolo Zverev ai quarti.

ROMA – E’ stato sorteggiato il tabellone di Wimbledon. Un cammino che non sembra essere molto complicato per il nostro Berrettini (numero sette del tabellone dopo i ritiri di Nadal e Thiem) almeno nella prima parte. Il romano, infatti, in proiezione c’è un incontro con Ruud (partita non impossibile) agli ottavi. Il percorso ci potrebbe complicare un po’ negli ultimi tre turni con Zverev ai quarti, uno tra Federer e Medvedev in semifinale e molto probabilmente Djokovic in finale. Anche se il serbo dovrà superare avversari molto temibili come Rublev e Tsitsipas.

Il primo turno degli italiani

Un primo turno insidioso per molti dei nostri azzurri. Berrettini dovrebbe avere vita facile con Pella. Anche Travaglia con Martinez e Cecchinato contro Broady non sembrano avere difficoltà nel passare il turno (almeno sulla carta). Per Mager c’è l’insidia Londero e per Seppi l’ostacolo Sousa.

Si complica un po’ il discorso per gli altri italiani. Musetti dovrà affrontare il polacco Hurkacz, uno dei più in forma nella prima parte di stagione. Sonego contro Norrie e Fognini contro Ramos, in altre due sfide che si preannunciano molto insidiose. E per Caruso da superare un avversario non sicuramente come Cilic.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Lorenzo Sonego
Lorenzo Sonego

L’esordio delle italiane

Anche in campo femminile una assenza importante. Simona Halep ha alzato bandiera bianca poco prima del sorteggio e la romena non sarà tra le protagoniste di Wimbledon. In chiave azzurra le speranze sono puntate naturalmente su Camila Giorgi, in ripresa dopo un periodo difficile. La marchigiana nel primo turno affronterà la Teichmann in una sfida non assolutamente facile.

Per l’Italia in campo anche Paolini e Trevisan. La prima affronterà la Petkovic, la seconda la russa Vesnina. Anche queste due partite da non sottovalutare.


Nuoto, svelato il murale dedicato a Federica Pellegrini

Nuoto, Sette Colli: Martinenghi e Castiglioni da primato