Taglia a pezzi la moglie, tortura e uccide i figli: la terrificante strage
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Taglia a pezzi la moglie, tortura e uccide i figli: la terrificante strage

donna morta con la mano sporca di sangue

Una notte di follia ad Altavilla Milicia vede un uomo uccidere moglie e due figli, lasciando una strage e una figlia in vita.

Nella tranquilla comunità di Altavilla Milicia, situata nell’hinterland di Palermo, si è consumata una strage familiare che ha lasciato l’intera popolazione sotto shock, un uomo di 54 anni, Giovanni Barreca, di professione muratore, ha brutalmente ucciso e tagliato a pezzi la moglie Antonella Salamone e i due figli torturati e uccisi, Kevin, di 16 anni, ed Emanuel, di appena 5 anni. Una terza figlia, di 17 anni, è riuscita a sfuggire miracolosamente alla furia omicida del padre, diventando così l’unica sopravvissuta di questa terribile notte di violenza.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

donna morta con la mano sporca di sangue

Il luogo del delitto e le vittime

Il crimine si è svolto in via Regia Trazzera Marina di Granatelli, dove la famiglia Barreca viveva. Il ritrovamento delle vittime ha sconvolto non solo i vicini di casa ma l’intera comunità. La natura premeditata e particolarmente brutale dell’atto emerge dalla tragica fine della moglie, il cui corpo è stato parzialmente bruciato e sepolto nei pressi dell’abitazione. Ulteriori indagini hanno rivelato che uno dei bambini è stato sottoposto a torture prima di essere tragicamente strangolato con una catena.

La sopravvivenza e l’indagine

La figlia diciassettenne, sfuggita per miracolo alla morte, ha raccontato di aver preso coscienza dell’orrore in piena notte, dopo essersi imbattuta nei corpi senza vita dei fratelli. Ha inoltre testimoniato che il padre, nelle ore precedenti il delitto, mostrava chiari segni di disordine mentale, farneticando su presunte presenze demoniache all’interno della casa. Queste rivelazioni aggiungono un ulteriore strato di complessità al caso, indicando possibili motivazioni psicologiche dietro l’incomprensibile gesto.

L’indagine è condotta con la massima serietà dal reparto operativo dei carabinieri di Palermo, sotto la guida attenta della procura di Termini Imerese. Gli esperti del Reparto Investigazioni Scientifiche (RIS) sono stati immediatamente coinvolti per effettuare accurati rilievi sul luogo del crimine. Evidenziando la determinazione delle forze dell’ordine nel fare luce su questa oscena tragedia.

La comunità di Altavilla Milicia, ora in lutto, cerca di raccogliere i pezzi di una realtà spezzata da un atto di violenza inimmaginabile. Le indagini in corso sperano di offrire risposte e giustizia per le vittime di questa incomprensibile tragedia familiare. Mentre la figlia sopravvissuta deve affrontare il peso di una perdita devastante e il ricordo di una notte che ha cambiato per sempre la sua vita.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 11 Febbraio 2024 11:22

Il figlio sapeva tutto, trovato il corpo senza vita della madre nel bosco: l’assurda vicenda

nl pixel