Addio al tagliando assicurazione collocato sul parabrezza

Da ottobre 2015 non c’è più l’obbligo di esporre sul parabrezza il tagliando dell’assicurazione. Sembra una sciocchezza, ma in realtà si tratta di una piccola e vera rivoluzione. Il bollino cartaceo diventa dunque obsoleto, la targa dell’auto invece diventa la carta di identità del veicolo e attraverso un apposito programma Targa System sarà possibile individuare tutte le informazioni della macchina.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Perchè il tagliando dell’assicurazione non deve essere più esposto?

I motivi possono essere diversi, ma il principale è uno solo, ovvero: limitare le frodi. Ebbene, secondo gli ultimi dati conseguiti da un recente sondaggio è stato appurato che sono oltre 4 milioni gli autoveicoli che non hanno l’assicurazione. Per cui il semplice tagliando posto sul parabrezza molto spesso rappresentava un comodo lasciapassare per i malintenzionati.

Cosa cambia per chi ha sempre pagato l’assicurazione?

Non cambia proprio nulla. L’automobilista che ha sempre pagato l’assicurazione continuerà a farlo. Chi ha l’assicurazione auto attiva verrà riconosciuto direttamente dalla targa e non dall’esposizione del tagliando sul vetro.

La cosa importante è tenere sempre con sé la quietanza, il certificato o la polizza perchè se si fa un incidente stradale è proprio dal documento che si recuperano tutti i dati della propria assicurazione.

Ecco le multe che ne conseguono per chi non rispetta le norme disciplinate dal Codice della Strada

  • 841,00€ e sequestro del veicolo se viene rilevata l’assicurazione scaduta
  • 168,00€ per la mancata revisione
  • 1998€ per chi continua a viaggiare su veicoli posti a sequestro

Purtroppo chi verrà a trovarsi in queste condizioni non sarà facile uscirne poichè è chiaro che scatterà la confisca dell’auto nonchè la sospensione della patente di guida.

Nel caso in cui il proprio veicolo non dovesse essere coperto dall’assicurazione, poiché scaduta, si hanno a  disposizione sempre i 15 giorni di tolleranza, che permettono di guidare il mezzo senza incorrere in contravvenzioni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-05-2017


Neopatentati: auto troppo potente, sanzioni

Spia avaria motore cosa significa