Taglio dei parlamentari e Germanicum, Lega e Fratelli d’Italia potrebbero ritrovarsi con la maggioranza alla Camera (anche senza l’apporto di Forza Italia).

Sul taglio dei parlamentari la sensazione di molti osservatori è che il Movimento 5 Stelle stia combattendo una battaglia suicida destinata a dare la maggioranza alla Lega e a Fratelli d’Italia.

Il taglio dei parlamentari e la nuova riforma elettorale potrebbero dare la maggioranza alla Camera a Lega e Fratelli d’Italia

Con il taglio dei parlamentari e con la nuova legge elettorale (come funziona il Germanicum) i due principali partiti del Centrodestra si ritroverebbero con 205 deputati su un totale di 400. Ossia con la maggioranza alla Camera senza neanche dover disturbare Forza Italia, che al momento risulta invece decisiva nonostante il piccolo contributo elettorale.

Il taglio dei parlamentari, sommato al nuovo sistema elettorale con soglia di sbarramento al 5%, consegnerebbe al Centrodestra una larga maggioranza alla Camera. La coalizione di Centrodestra potrebbe arrivare addirittura a quota 234 seggi sui 400 totali. Il Partito democratico e il Movimento 5 Stelle insieme si fermerebbero intorno ai 160 seggi.

Camera dei deputati
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati

Un dato in continuo mutamento

È bene evidenziare però come lo scenario, pur presentato anche dalla stampa nazionale, è assolutamente indicativo e non tiene conto delle mille varianti che potrebbero entrare in azione nel corso del tempo. Sia dentro che fuori i palazzi della politica. Innanzitutto l’analisi è fatta in base ai sondaggi sulle intenzioni di voto. I dati interessano una parte minima della popolazione e che sappiamo bene essere particolarmente fluidi, in continuo – anche se non significativo – cambiamento.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
evidenza germanicum politica taglio dei parlamentari

ultimo aggiornamento: 05-02-2020


Open Arms, i giudici: quello di Salvini fu sequestro di persona

Sanremo 2020, il videomessaggio ‘sparito’ di Rogers Waters: una scelta politica dietro la decisione della Rai?