Tassi sui prestiti valori 2017

Tassi Prestiti Valori: Cosa conoscere e sapere su questo parametro.

chiudi

Caricamento Player...

Tassi prestiti valori e Abi

L’Associazione Bancaria Italiana (ABI) confermò per il mese di febbraio il rialzo del costo dei mutui che era stato dichiarato dalla Banca d’Italia nel mese precedente.
Quando si parla di tassi occorre sempre ricordare che le misurazioni nell’ambito di un analisi generale relativa al costo dei finanziamenti, e calcolando l’azione della Bce, resta a minimi storici.

I Rapporti Mensili dell’ABI

Prendendo in considerazione il mese di febbraio 2017, il bollettino mensile diffuso dall’ABI determina le seguenti percentuali associate al tasso medio sul totale dei prestiti:

  • Febbraio: 2,85%
  • Gennaio: 2,87%

Prima dell’inizio della crisi economica tale percentuale era del 6,18% si parla del dicembre 2007.
Se si osservano i prestiti elargiti alle aziende e alle imprese, l’Abi avvisa sull’1,45%, contro l’1,56% di gennaio. Sui mutui invece viene registrato un lieve rialzo al 2,13%, a fronte di un 2,08% relativo al mese di gennaio (si parla sempre del mese di febbraio) che resta comunque vicino al minimo storico del 2,02% di dicembre.

L’Associazione delle Banche registra comunque sul piano generale un accelerazione sulle elargizioni dei prestiti sia per le imprese sia per le famiglie, il rapporto segnala una crescita su base annua dei finanziamenti alle famiglie e alle aziende non finanziarie dell’1,8% rispetto all’1,5% che è il dato relativo al mese di gennaio.

Crescita dei Finanziamenti

Tale crescita così netta non veniva registrata dal mese di gennaio del 2012, in quel periodo il dato evidenziava un +1,88%.
La variazione misurata su base annuale, fa rientrare nelle stime che poi sotto intendono ai dati pubblicati, anche le elargizioni non direttamente provenienti da Banche e Istituti di Finanziamento in quanto cartolarizzati. I prestiti concessi e forniti alle famiglie e alle aziende, dichiara l’Abi, ammontavano il mese di febbraio a 1.404,5 miliardi mentre a fine 2007 ovvero prima che la crisi iniziasse, erano pari a 1.279 miliardi, incremento quindi significativo a distanza di dieci anni.

certificato_unicasim