Per la prima volta dal 2012 la disoccupazione in Italia è scesa sotto il 10%. Aumentano gli inattivi e il numero dei giovani senza lavoro.

MILANO – Nuovo aggiornamento in Italia dell’Istat per quanto riguarda il lavoro. Il tasso di disoccupazione è sceso per la prima volta dal 2012 al 10%. Secondo l’ultima l’indagine ad agosto 2018 la percentuali dei non occupati è calato fino al 9,7%. L’aggiornamento mensile precisa che la diminuzione dello 0.4 è avvenuto a luglio mentre l’1.6 ad agosto.

Per quanto riguarda le cifre il numero dei disoccupati è diminuito di 119.000 unità mentre per quanto riguarda agosto sono scesi di 438.000. Preoccupa un po’ l’aumento degli inattivi tra i 15 e i 65 anni (+46.000).

lavoro_occasionale_2017

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Istat, aumenta la disoccupazione giovanile

Le buone notizie arrivano dalla disoccupazione ma aumenta quella giovanile, cioè la fascia dai 15 ai 24 anni. Mentre cresce l’occupazione dei contratti a termine. Nel mese di luglio gli occupati a termini determinati erano 3.143.000 con una crescita di 45.000 rispetto a luglio 2017 e di 351.000 unità rispetto ad agosto 2017. Si tratta sicuramente di un record dal 1992. Per quanto riguarda il contratto a tempo indeterminato c’è stato una crescita di 50.000 unità su luglio e un calo di 49.000 su agosto 2017.

L’aumento degli occupati è diviso in modo equo: occupati a termine (+34 mila) e stabili (+50 mila) mentre se si guarda con maggiore attenzione alle fasce di età si nota l’aumento della fascia over 50 (+42 mila), un risultato consolidato dal fatto di un mix tra componente demografica ed effetto delle riforme delle pensioni, della fascia 35-49 (+34 mila). A differenza di questi ultimi dati è aumentata leggermente quella dai 25 ai 34 anni (+6 mila) mentre cala drasticamente l’occupazione tra i giovani (-13 mila).

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-10-2018


Def, Luigi Di Maio: “Qualcuno in Europa fa terrorismo sui mercati”

Criptovalute, come tenerle al sicuro: gli errori da non fare