Chi sceglie il tasso Euribor? Come lo si desume? Cosa conoscere su questa materia di interesse europeo e nazionale.

Euribor e Scadenze

Le scadenze che riguardano la pubblicazione del tasso euribor sono quelle giornaliere, il tasso viene pubblicato tutti i giorni alle ore 11 dall’Euribor Panel Steering Committee, ovvero quel comitato di esperti che sulla base dei dati ricevuti dalle grandi banche, soprattutto europee, pubblica quotidianamente questo tasso.
A seguire l’elenco delle Banche ed Istituti che fanno parte del su citato comitato e che decidono l’Euribor e, per molte persone di conseguenza, anche la rata del mutuo a tasso variabile che li riguarda, la lista comprende i diversi Paesi europei e i singoli istituti riferiti ai Paesi:

Austria: Erste Bank der Österreichischen Sparkassen RZB – Raiffeisen Zentralbank Österreich AG

Belgio: Dexia Bank Fortis Bank KBC

Finlandia: Nordea

Francia: BNP – Paribas Crédit Agricole s.a. Crédit Industriel et Commercial CIC HSBC CCF IXIS CIB Natexis Banques Populaires Société Générale

Germania: Bankgesellschaft Berlin Bayerische Hypo- und Vereinsbank Bayerische Landesbank Girozentrale Commerzbank Deutsche Bank Dresdner Bank DZ Bank Deutsche Genossenschaftsbank Landesbank Baden-Württemberg Girozentrale Landesbank Hessen – Thüringen Girozentrale Norddeutsche Landesbank Girozentrale WestLB AG

Grecia: National Bank of Greece

Irlanda: AIB Group Bank of Ireland

Italia: Banca Intesa Banca Nazionale del Lavoro Capitalia Monte dei Paschi di Siena Sanpaolo IMI UniCredit Banca

Lussemburgo: Banque et Caisse d’Épargne de l’État

Olanda: ABN Amro Bank ING Bank Rabobank

Portogallo: Caixa Geral De Depósitos (CGD)

Spagna: Banco Bilbao Vizcaya Argentaria Banco Santander Central Hispano Confederacion Española de Cajas de Ahorros

Altre banche europee: Barclays Capital Den Danske Bank Svenska Handelsbanken

Banche internazionali: Bank of Tokyo – Mitsubishi Citibank J.P. Morgan Chase & Co. UBS (Luxembourg) S.A.

Per quanto riguarda la Banca d’Italia, questa stabilisce trimestralmente ai sensi dell’art. 2 della Legge n° 108 del 7 marzo 1996, come modificato dal D.L. 70/2011, i tassi massimi d’interesse per un prestito o per un finanziamento e quando questi vengono superati subentra il reato di usura, che non può essere superiore al 25% del tasso effettivo globale medio registrato nel trimestre precedente a cui va aggiunto comunque un margine di ulteriori 4 punti percentuali.

certificato_unicasim


Cosa significa inflazione acquisita

Tasso Eonia cosa riguarda e cosa significa