Tavecchio si gioca la carta Galliani per portare Ancelotti in Azzurro

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Trattativa ‘segreta’ per portare Carlo Ancelotti in Azzurro avviata: Carlo Tavecchio si affida ad Adriano Galliani!

Sta succedendo davvero di tutto in queste ore in casa della Nazionale italiana dove, tra esoneri più o meno consensuali, critiche, polemiche, ipotesi di cambiamento e i soliti volti noti che restano ad occupare le proprie poltrone, la situazione è particolarmente delicata e caotica. Il primo step, quello inevitabile per provare a placare gli animi di un’intera Nazione, è stato fatto: esonerato Ventura. Il problema è che al momento manca un sostituto. Il mondo degli addetti ai lavori continua a fare a gran voce il nome di Carlo Ancelotti, uno che in fondo questo prestigioso tassello alla sua carriera lo aggiungerebbe volentieri, il problema, da quanto si sussurra, potrebbe essere legato alla presenza dell’altro Carlo, quel Tavecchio che a detta di molti avrebbe dovuto riconoscere il suo fallimento e rassegnare le dimissioni. Ma questa è un’altra storia.

Tavecchio

Adriano, pensaci tu!

Sarà anche fuori dal mondo del Calcio, ma l’influenza di Adriano Galliani è rimasta più o meno invariata al punto che Carlo Tavecchio avrebbe chiesto aiuto all’ex ad rossonero per convincere Carlo Ancelotti ad accettare la panchina del Milan. Il presidente federale ha sempre contato sull’apporto di Galliani al punto che lo avrebbe contattato subito dopo il pareggio di San Siro con la Svezia. Ora che è chiaro che le strategie future passino per Ancelotti, lo stesso Galliani è stato incaricato di portare avanti la trattativa con l’ex tecnico del Milan.

Stipendio alto e meritato riposo: perché mettere tutto a rischio? I dubbi di Carlo Ancelotti

Se non le dimissioni di Tavecchio, è normale che Carlo Ancelotti voglia delle garanzie su un cambiamento radicale da parte della Federazione. Rischiare di fare la fine di Ventura, o comunque di essere costretto a lavorare in condizioni sfavorevoli e poi dover partecipare a un Europeo, non è sicuramente un piano che alletta il buon Carletto, al momento in vacanza in Canada a godersi il lauto stipendio e certo di poter ottenere una buona panchina anche per il prossimo anno. Sì il patriottismo è un conto, il lavoro e la serietà un altro.

Carlo Ancelotti

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 18-11-2017

Nicolò Olia