L’ex presidente Figc, Carlo Tavecchio, ha fatto il punto sulla questione dei diritti tv della Serie A.

Anche oggi il bando per i diritti tv ha portato a una fumata nera. Tuttavia, l’ex presidente della Figc, Carlo Tavecchio, si è detto molto soddisfatto. Queste le sue parole, riportate da Tuttomercatoweb: “Qui siamo partiti a 760 milioni con i diritti televisivi, già siamo a 950. Quindi questo vituperato campionato non è quello che si descrive: se si tiene conto che ci sono delle royalties probabilmente si arriverà al miliardo, in più ci sono quasi 400 milioni dei diritti internazionali, poi c’è la Coppa Italia. Credo che sia stato fatto un ottimo lavoro in sede commissariale“.

Diritti tv, Tavecchio soddisfatto

L’ex presidente Figc ha quindi proseguito: “Siccome contano i fatti e io i fatti alla stampa li ho dati, e chi li ha pubblicati lo ringrazio, non ci sono commenti sui fatti: i fatti sono statici e restano quelli. Nel caso specifico, il problema è di un’interpretazione che il consiglio ha voluto dare, per la quale io ho preteso un pronunciamento. Questa è la delibera adottata sull’articolo 9.6: ‘Precisando che il consiglio del commissario era ed è quello di ottemperare’. Sapete perfettamente che il commissario non è né organo monocratico né ha poteri decisionali autonomi, è l’assemblea che decide: qualsiasi decisione anche suggerita dal commissario non conta, se non c’è l’assemblea. Questa è la delibera, approvata con 16 favorevoli e 4 astenuti“.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
calcio Carlo Tavecchio diritti tv lega Serie A

ultimo aggiornamento: 26-01-2018


Lega Serie A, fumata nera per i diritti tv: si tratta con MediaPro

Maldini sul Milan: “Quando tornerà grande? Non ne ho idea…”