Convocato tavolo di crisi al Mise per i licenziamenti annunciati da Gkn. Orlando: “Modalità che non possono essere accettate”.

Il governo interviene nel caso Gkn e convoca un tavolo presso il Mise per fare il punto sui licenziamenti dei dipendenti, che sono stati informati con una mail.

Licenziamenti Gkn, convocato tavolo di crisi al Mise

Come comunicato dalla sottosegretaria Alessandra Todde, il tavolo è stato convocato per giovedì 15 luglio alle ore 14.00. Prendono parte al vertiche – che si terrà in videoconferenza – il ministero del Lavoro, le sigle sindacali e i rappresentanti di Gkn, Presenti anche il Sindaco di Firenze e funzionari della Regione Toscana.

I licenziamenti comunicati tramite mail, il ministro Orlando: “Modalità che non possono essere accettate”

I dipendenti della fabbrica, alla notizia dei 422 licenziamenti decisi dalla società, hanno avviato una assemblea permanente protestando contro i licenziamenti, che tra l’altro sono stati annunciati con una comunicazione informale.

Il Mise si sta muovendo per verificare le condizioni in cui è avvenuto l’episodio, ma si tratta di modalità che non possono essere accettate“, aveva dichiarato il ministro del Lavoro Orlando.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Andrea Orlando
Andrea Orlando

Nardella, “Lo considero un atto ostile contro l’Italia”

Siamo al fianco della Regione e del Governo per condividere azioni unitarie, anche un pressing forte sul gruppo industriale a cui fa riferimento la Fiat, principale cliente della Gkn. Lavoreremo anche sul fronte dei rapporti diplomatici perché ne va delle buone relazioni tra Paesi, non è accettabile che questo gruppo inglese possa comportarsi così con un Paese amico, lo considero un atto ostile contro l’Italia“, ha dichiarato il sindaco di Firenze Dario Nardella a Controradio.

C’è anche un aspetto di legislazione su cui dobbiamo intervenire. Ne ho parlato con la viceministra Alessandra Todde. Ci sono probabilmente degli aspetti delle legislazione italiana che si possono rafforzare, per prevedere penali più dure contro gruppi industriali che delocalizzano senza sufficienti ragioni. Dobbiamo anche verificare quali e quanti aiuti, sostegni o contributi pubblici ha avuto la Gkn, per intraprendere azioni anche molto dure contro questo gruppo“.


Formula 1, orari e info streaming del GP di Gran Bretagna

Morte Filippo Cavazzuti, il cordoglio di Mario Draghi