Papa Francesco nel Te Deum lancia un chiaro messaggio contro la povertà: “Molte persone vivono in condizioni indegne per l’essere umano”.

CITTÀ DEL VATICANO – Nella sera dell’ultimo giorno dell’anno consueto appuntamento con il Te Deum. Nel suo discorso Papa Francesco si è soffermato sulla povertà: “Dobbiamo fermarci a riflettere – dichiara il Pontefice riportato da Sky TG24con dolore e pentimento perché, anche durante quest’anno che volge al termine, tanti uomini e donne hanno vissuto e vivono in condizioni di schiavitù, indegne di persone umane“.

Anche nella nostra città di Roma – continua Bergoglio ci sono fratelli e sorelle che, per diversi motivi, si trovano in questo stato. Penso, in particolare, a quanti vivono senza una dimora. Sono più di diecimila e d’inverno la loro situazione è molto dura“.

PAPA FRANCESCO
PAPA FRANCESCO

Papa Francesco nel Te Deum: “Le forme di schiavitù li hanno fatti vivere in condizione al limite della dignità umana”

Nella sua omelia Papa Francesco si è soffermato sulla povertà: “Tutti siamo figli e figlie di Dio ma le diverse forme di schiavitù, a volte molto complesse, hanno portato alcune persone a vivere al limite della dignità umana“. Il Pontefice ha fatto un paragone con Gesù: “Anche lui è nato in una condizione simile, ma non per caso, o per un incidente, ha voluto nascere così, per manifestare l’amore di Dio per i piccoli e per i poveri, e così gettare nel mondo il seme del Regno di Dio, Regno di giustizia di amore e di pace, dove nessuno è schiavo, ma tutti sono fratelli“.

Bergoglio in conclusione del messaggio ha voluto lanciare un chiaro messaggio a tutti i fedeli e non solo: “La Chiesa non vuole essere indifferente alla schiavitù del nostro tempo, e nemmeno semplicemente osservarle e assisterle, ma vuole essere dentro questa realtà, vicino a queste persone e a queste situazioni“.

Di seguito il video con le parole di Papa Francesco a Te Deum

fonte foto copertina https://twitter.com/vaticannews_it


Raid in una pescheria di Torre Annunziata: due feriti

Medicina, intervento record a Padova: esportato un tumore renale dal cuore