Ted Dabney, cofondatore di Atari, è mancato lo scorso sabato. Il suo lavoro contribuì alla nascita di Pong, il video game che decretò il successo mondiale di Atari.

Il cofondatore di Atari Ted Dabney è morto all’età di 80 anni. Lo ha reso pubblico un caro amico, lo storico Leonard Herman, che ha annunciato la morte di Dabney in un post su Facebook:

Ho appena saputo che il mio buon amico, Ted Dabney, il cofondatore di Atari, è passato a miglior vita all’età di 80 anni. RIP mio buon amico. La tua eredità vivrà a lungo!

Leonard Herman aveva raccontato la storia di Dabney in un articolo per la rivista Edge, autorità assoluta del mondo dei videogiochi, pubblicato nel 2009.

Dabney, nato a San Francisco nel 1937, aveva ricevuto una diagnosi di cancro all’esofago alla fine del 2017. Secondo gli amici, ha deciso di non curarsi dopo che gli era stato comunicato che gli rimanevano otto mesi di vita.

Ted Dabney, pioniere dei videogame

Nel 1971 Dabney ha fondato insieme a Bushnell l’azienda Syzygy, predecessore di Atari. Il loro primo lavoro fu Spacewar, un gioco per computer, ma il primo successo di scala fu Computer Space, il primo arcade del mondo disponibile in commercio. Nel 1972 la coppia cofondò Atari, e il lavoro fatto su Computer Space fu utilizzato come base per Pong. Il videogioco che con il suo successo planetario fece fare alla società i suoi primi milioni. Dabney lasciò Atari nel 1973, per alcune divergenze avute con Busnhell.

L’intero mondo dei videogiochi nei passati giorni ha espresso il suo cordoglio attraverso i social. Uno dei primi è comparso sulla pagina Atari Inc. Business is Fun, una delle fanpage più seguite sul mondo Atari.

La pagina ufficiale di Atari (che per la verità non naviga in buone acque negli ultimi anni), non ha invece riportato la notizia. L’intero mondo dei videogame invece si è prodigato in ricordi e memorie con l’hashtag #TedDabney.

Fonte foto copertina: https://www.youtube.com/watch?v=CXrxmC1ckSQ


Chi visita il mio profilo WhatsApp? Ecco come scoprirlo

Sicurezza password, scopriamo se la nostra è stata rubata