La replica di Erdogan a Mario Draghi: “Le sue parole sono una totale maleducazione”.

ANKARA (TURCHIA) – “Le parole del presidente del Consiglio italiano sono state una totale maleducazione, una totale maleducazione“. Dopo giorni di silenzio è arrivata la replica di Erdogan a Mario Draghi. E il presidente turco si è rivolto in maniera molto dura nei confronti del premier del nostro Paese.

Una posizione di Erdogan che ha confermato una tensione molto alta tra Italia e Turchia. Al momento, non sono in programma confronti o chiarimenti tra Roma e Ankara, ma il premier Draghi nei prossimi giorni potrebbe chiamare il suo collega per spiegare le sue dichiarazioni.

Draghi: “Erdogan un dittatore”

Le dichiarazioni del premier Draghi arrivate in conferenza stampa subito dopo il Sofagate. Il presidente italiano ha definito Erdogan “un dittatore con il quale bisogna trattare“.

Parole che hanno provocato subito una dura reazione da parte di Ankara, con la convocazione dell’ambasciatore italiano e la sospensione di tutte le trattative con le aziende italiane. Un quadro molto complesso anche se Palazzo Chigi ha sempre minimizzato la vicenda. La diplomazia, comunque, è al lavoro per cercare di ridurre al minimo gli effetti di questo scontro.

La dura reazione di Erdogan

In un primo momento Erdogan aveva preferito non commentare le parole del presidente del Consiglio. Il leader turco, però, dopo tutte le polemiche ha deciso di entrare in campo e ha precisato che “le parole di Mario Draghi sono una totale maleducazione, una totale maleducazione […]“.

Parole che confermano un tensione tra Italia e Turchia e difficilmente nei prossimi giorni si riuscirà a ricucire questo strappo. Non sono previsti, al momento, contatti tra i due leader per cercare di chiarire quanto successo. Nonostante questo, la diplomazia continua a lavorare per far abbassare i toni e riprendere i dialoghi iniziati negli anni scorsi.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 14-04-2021


Cittadinanza italiana a Zaki, via libera del Senato

Afghanistan, Italia e Stati Uniti verso il ritiro delle truppe