Vittoria (Ragusa), fermati due pregiudicati per il tentato omicidio di un quarantatreenne agli arresti domiciliari. L’uomo è rimasto gravemente ferito.

Un grave caso di cronaca arriva dalla provincia di Ragusa, dove due uomini sono stati fermati dalle autorità per il tentato omicidio di un uomo di 43 anni agli arresti domiciliari. Fermati due pregiudicati rintracciati grazie alle testimonianze e alle immagini delle videocamere di sorveglianza.

Tentato di uccidere un uomo agli arresti domiciliari: due fermi

I due si sono introdotti nell’abitazione del quarantatreenne, agli arresti domiciliari, e lo hanno aggredito ferendolo gravemente dopo averlo ripetutamente colpito con calci e pugni e averlo accoltellato più volte. Nella colluttazione è rimasto ferito anche il fratello della vittima, intervenuto in difesa del suo familiare.

Polizia
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/poliziadistato.it

La vittima è stata soccorsa da un suo conoscente che lo ha caricato su un furgone trasportandolo in ospedale. L’uomo non sarebbe in pericolo di vita anche grazie alla tempestività dei soccorsi che hanno fatto fronte all’ingente perdita di sangue causata dalle ferite.

Le indagini degli inquirenti e l’arresto di due persone: sono due pregiudicati

Per l’aggressione sono stati fermati due pregiudicati, rintracciati grazie alle testimonianze delle persone presenti e grazie alle immagini delle videocamere di sorveglianza situate nella zona. Fondamentale l’apporto anche della Polizia Scientifica che ha raccolto indizi sul luogo del tentato omicidio risalendo alle identità degli aggressori, che si sono dati alla fuga dopo essersi resi conto della gravità del loro gesto.

Uno dei due aggressori, rimasto ferito durante la colluttazione, è stato trasportato in ospedale dove è stato piantonato dagli uomini delle Forze dell’Ordine. Il secondo aggressore è stato accompagnato della casa circondariale di Ragusa.


Esplosione in appartamento a Udine, tre feriti

Vaccini, nessuna proroga: bambini a scuola solo con il certificato