Terremoto di magnitudo 3.1 tra L’Aquila e Frosinone. La scossa avvertita distintamente anche a Roma e ad Anzio.

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata tra L’Aquila e Frosinone. L’epicentro è stato registrato tra Balsonaro e Sora ed è stato avvertito distintamente anche a Roma, soprattutto sul versante marittimo.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Terremoto
Fonte foto: https://twitter.com/Agenzia_Ansa

Terremoto di magnitudo 3.1 tra L’Aquila e Frosinone. Scossa avvertita distintamente anche a Roma

A Frosinone si registrano diverse scuole che hanno deciso di far evacuare gli edifici in seguito alla scossa, avvertita distintamente da alunni e professori. L’INGV ha registrato la prima scossa di terremoto intorno alle otto e trenta di martedì 4 dicembre.

In pochi minuti tra il Lazio e l’Abruzzo sono state effettuate decine di chiamate da parte dei cittadini che hanno avvertito distintamente la scossa. Tantissime anche le segnalazioni sui social network, soprattutto da parte degli abitanti di Roma.

Terremoto
Terremoto (fonte foto https://twitter.com/RaiNews)

Terremoto, a Roma gente in strada nei Comuni del litorale

L’allarme è scattato soprattutto nella zona litoranea della Capitale. Da Ostia ad Anzio centinaia di persone hanno fatto sapere di aver avvertito il terremoto e di aver abbandonato la propria casa per recarsi in strada, all’aperto, per paura di possibili crolli.

L’Attività sismica nel Centro e nel Sud Italia

Nel corso degli ultimi giorni il Centro e il Sud Italia stanno facendo i conti con una prolungata e ripetuta attività sismica. Nei giorni scorsi l’allarme è scattato in Campania, nei paesi che sorgono nei pressi del Vesuvio. Il primo pensiero dei cittadini della zona è andato proprio al vulcano e il timore era che l’attività sismica fosse un segnale del risveglio del Vesuvio.

ultimo aggiornamento: 04-12-2018


Il 4 dicembre 1975 moriva Hannah Arendt, la pensatrice che spiegò al mondo la banalità del male

Firenze, evacuata una palazzina di sette piani: dubbi sulla stabilità dell’edificio