Bologna, terremoto di magnitudo 3.0. Trema anche Pozzuoli (Napoli): decine di scosse in uno sciame sismico.

Terremoto a Bologna, paura all’alba. Una scossa di terremoto di magnitudo 3.0 è stata registrata nel Bolognese intorno alle ore 7.10 della mattina del 16 marzo.

Terremoto a Bologna, scossa di magnitudo 3.0

Il terremoto è stato registrato a pochi chilometri da Dozza (Bologna) e si sarebbe originato a una profondità di trentacinque chilometri.

Il bilancio del terremoto

Non si segnalano danni a cose o persone e non si segnalano situazioni problematiche in seguito ai sopralluoghi dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile.

Terremoto a Pozzuoli (Napoli)

E nelle ultime ore la terra è tornata a tremare anche a Pozzuoli (Napoli), una zona fortemente sismica. Nelle ultime ore si sono registrate decine di scosse che fortunatamente non hanno causato danni o feriti.

La scossa di terremoto di maggiore intensità è stata registrata a circa un chilometro da Agnano e ha avuto una magnitudo di 2.0.

Lo sciame sismico in corso è perfettamente in linea con l’attuale stato di allerta gialla di attenzione della caldera dei Campi Flegrei. Non c’è dunque da allarmarsi: sono micro-eventi superficiali che rientrano nell’attività di un’area dalla forte sismicità, il cui sollevamento è, al momento, di 0,7 centimetri al mese“, ha dichiarato Francesca Bianco, direttrice dell’Osservatorio Vesuviano dell’Ingv ai microfoni di Repubblica.

Puzzuoli è una zona particolarmente delicata dal punto di vista sismico che nel corso degli anni ha fatto registrare un’attività particolarmente intensa.

Si tratta principalmente di scosse di lieve entità ma che si verificano con discreta frequenza, e il timore degli osservatori è che possa ripetersi un terremoto di magnitudo rilevante che possa scaricare l’energia accumulata nel corso degli anni.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
bologna evidenza italia Napoli terremoto

ultimo aggiornamento: 16-03-2019


Tragedia in Cagliari-Fiorentina, tifoso muore sugli spalti

Mostro di Udine, si riapre il caso? Quattordici vittime ancora senza un colpevole