Tre scosse di terremoto a Palermo (Gangi), la più violenta di magnitudo 3.5. Non si registrano danni a cose o persone.

Nottata di paura in Sicilia per le tre scosse di terremoto che hanno colpito Gangi, a pochi chilometri da Palermo. La prima scossa è stata registrata intorno alle 22.00 di mercoledì sera, l’ultima intorno alle sei della mattina del giovedì.

Terremoto
Terremoto (fonte foto https://twitter.com/RaiNews)

Tre scosse di terremoto a Palermo (Gangi), la più violenta di magnitudo 3.5

La prima scossa di terremoto ha avuto una magnitudo di 3.0. Il sisma è stato avvertito distintamente nella vicina Palermo e nei comuni circostanti. La scossa si è originata a una profondità di otto chilometri.


Più violenta la seconda scossa, quella registrata intorno alle cinque e un quarto della mattina del 13 dicembre. In questo caso i dati dell’INGV parlano di una magnitudo di 3.5 che ha spinto i palermitani a scendere nuovamente  in strada abbandonando le proprie abitazioni per paura di possibili crolli. Molti hanno deciso alla fine di trascorrere il resto della notte in macchina a fuori dalle proprie abitazioni.


L’ultima scossa di terremoto è stata registrata dopo circa trenta minuti, intorno alle 5.43. Questa volta il sisma è stato meno violento e ha fatto registrare una magnitudo di 2.7.

 

Tre scosse di terremoto si sono verificate a Gangi (Palermo), comune di oltre 6mila abitanti che si trova sulle Madonie. Il primo sisma (magnitudo 3.0) è stato rilevato dall’Ingv alle 21.50 di ieri, replica alle 5.14 (magnitudo 3.5), l’ultima scossa si è verificata alle 5.43 (magnitudo 2.7) di oggi. Non risultano al momento danni, né feriti.

Il bilancio

Stando ai primi bilanci non ci sarebbero stati crolli strutturali o feriti in seguito alle tre scosse di terremoto che hanno comunque causato una notevole apprensione a Palermo e nei comuni circostanti, spingendo i cittadini a lasciare le proprie abitazioni.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza palermo Sicilia terremoto

ultimo aggiornamento: 13-12-2018


Violentata dallo zio a nove anni, racconta tutto alla madre che non denuncia

Roma, Raffaele Marra condannato a tre anni e sei mesi