Una scossa di terremoto di magnitudo 5.4 è stata registrata in Cina. Il bilancio è di almeno tre morti, ma il numero potrebbe aumentare.

PECHINO (CINA) – Scossa di terremoto tra magnitudo 5.4 e 6 in Cina. Il sisma, come scritto da La Repubblica, è stata registrata nella contea di Luxian (nei pressi della metropoli Chongqing) con una profondità di 10 km e il bilancio inizia a crescere. I primi numeri parlano di almeno tre vittime e decine di feriti, ma le cifre potrebbero essere più alte nei prossimi giorni visto che sono in corso le ricerche di eventuali dispersi.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Terremoto in Cina, scossa nella contea di Luxian

La scossa è stata sentita distintamente in tutta la contea di Luxian. Dalle prime informazioni raccontate dai media locali, sono stati registrati anche dei crolli e per questo motivo le attività di soccorso sono iniziate immediatamente e sono ancora in corso.

Si temono diverse persone intrappolate sotto le macerie e per questo motivo si stanno cercando eventuali dispersi. Nelle prossime ore potrebbero essere registrate altre scosse di assestamento di intensità inferiore rispetto alla principale, ma non si escludono altri crolli visto che molte abitazioni sono state indebolite dal primo sisma.

Sismografo Terremoto
Sismografo

Il bilancio

Il bilancio riportato dalle autorità locali è di almeno 3 morti e una decina di feriti. Ma il numero potrebbe aumentare nei prossimi giorni visto che non si conoscono le condizioni delle persone trasportate in ospedale e, soprattutto, le cifre dei dispersi.

Il terremoto del 2008 nella contea di Luxian

Non è la prima volta che la contea di Luxian e la provincia di Sichuan sono colpiti da una violenta scossa di terremoto. Nel 2008 un sisma di 7.9 causò la morte o la scomparsa di 87mila persone. Un bilancio sicuramente molto più alto di quello della scossa registrata tra il 15 e il 16 settembre 2021.

ultimo aggiornamento: 16-09-2021


Gran Sahara, forze francesi eliminano capo jihadisti

Si lavora solo con il Green Pass: tamponi a carico dei lavoratori ma niente licenziamenti