Una scossa di terremoto magnitudo 3.1 è stata registrata alle porte di Firenze. Non sembrano esserci danni a persone o cose.

FIRENZE – Scossa di terremoto di magnitudo 3.1 alle porte di Firenze. Come riportato dall’Ingv, il movimento tellurico è stato registrato intorno alle 15.55 del 20 febbraio. Non sembrano esserci danni a persone o cose.

L’epicentro della scossa è stato Borgo San Lorenzo con una profondità di 8 km. Attimi di paura per i cittadini della zona colpita dal sisma, ma la situazione è tornata subito alla normalità. Nelle prossime ore ci potrebbero essere ulteriori movimenti tellurici di assestamento. Gli esperti continuano a controllare attentamente la faglia per valutare i possibili rischi per i cittadini.

Terremoto a Firenze

La terra ha tremato nel primo pomeriggio di sabato 20 febbraio. Una scossa di magnitudo 3.1 con una profondità di 8 chilometri. I vigili del fuoco si sono subito messi in azione per eventuali danni a persone o cose, ma la situazione sembra essere sotto controllo.

Tanta paura per i cittadini che hanno sentito chiaramente la scossa. Non sono stati segnalati danni a persone o cose e nelle prossime settimane potrebbero esserci delle nuove scosse di assestamento della stessa faglia. Tutti movimenti messi in conto da parte degli esperti che, secondo gli studi, dovrebbero essere di intensità minore rispetto alla principale.

Sismografo terremoto
Sismografo terremoto

La terra trema in Italia

Non è la prima volta che un terremoto viene registrato in quella zona e nel nostro Paese. Con temperature più alte è alto il rischio di nuove scosse nei territori più a rischio.

Il caldo anomalo, secondo alcuni esperti, potrebbe portare ai movimenti tellurici e, per questo, sono in corso tutte le verifiche anche in Toscana per valutare la possibilità di ulteriori scosse nei prossimi giorni dalla stessa faglia. Al momento, la situazione sembra essere sotto controllo e non sono stati segnalati danni a persone o cose.


E’ morto Guido Stagnaro, ‘papà’ letterario di Topo Gigio

Coronavirus, multe in tutta Italia per feste e cene. A Pescara si indaga sull’esplosione dei contagi