Scossa di terremoto di magnitudo 4.8 in Giappone. Non si registrano danni a persone o cose. Paura a Tokyo.

TOKYO (GIAPPONE) – Una scossa di terremoto di magnitudo 4.8 è stata registrata in Giappone nella serata italiana di lunedì 15 marzo 2021. Come riportato da Rai News 24, il sisma è stato sentito distintamente a Tokyo dove alcuni edifici hanno tremato.

Non si registrano, al momento, danni a persone o cose, ma sono in corso tutte le verifiche del caso. Nelle prossime ore la faglia continuerà ad essere sorvegliata dalle autorità locali per verificare eventuali scosse di assestamento.

Il terremoto

Il terremoto è avvenuto nella serata italiana di lunedì 15 marzo 2021. L’epicentro del sisma di magnitudo 4.8 è stato registrato vicino a Tokyo.

Il sisma è stato chiaramente sentito anche nella capitale giapponese. Secondo le prime informazioni, alcuni edifici hanno oscillato, ma non si segnalano danni a persone o cose. Nelle prossime ore potrebbero essere registrate altre scosse di assestamento di intensità inferiore rispetto alla principale.

Sismografo Terremoto
Sismografo

Ritorna la paura in Giappone

Ritorna la paura in Giappone per la scossa di terremoto. Non è il primo sisma registrato in terra nipponica e, in passato, ci sono stati anche diversi danni. Fortunatamente quello del 15 marzo è stato di intensità bassa (intorno al 4.8) e non sembrano esserci danni a persone o cose.

Sono in corso le verifiche del caso per accertare eventuali problemi agli edifici. La scossa è stata sentita chiaramente anche a Tokyo.

Tokyo tra terremoto e coronavirus

Non è un periodo semplice per il Giappone. Nelle ultime settimane sono stati registrati alcuni casi di coronavirus e si rischia con questa scossa di creare altri focolai.

Sono molte, infatti, le persone scese in strada per timore di ulteriori scosse e crolli e non è stato possibile mantenere le regole di distanziamento previste per evitare il contagio anti-Covid nella capitale giapponese e nei comuni limitrofi.


Dalla Francia alla Spagna, i Paesi che hanno bloccato la somministrazione del vaccino AstraZeneca

Ponte Morandi, le accuse contestate ai 68 indagati