Terremoto Ischia, il sindaco non ci sta: “La nostra non è un’Isola di abusivi”

Terremoto Ischia, il primo cittadino respinge le accuse di abusivismo edilizio sull’Isola: “Ora basta, diteci come stanno realmente le cose”.

ISCHIA – L’Italia ancora una volta si è risvegliata tra le macerie. Quanto successo un anno fa nel Centro Italia, si è ripetuto ieri ad Ischia dove una scossa di magnitudo 4 ha causato il crollo di alcune case e la morte di due donne. “C’è un discorso – dice il neo capo della Protezione Civile Angelo Borrelli di specificità dell’isola di Ischia che è in area vulcanica. Quello che ho potuto vedere oggi è che molte costruzioni sono realizzate con materiali scadenti che non corrispondono alla normativa vigente, per questo alcuni palazzi sono crollati o rimasti danneggiati“.

Il geologo: “Un terremoto di tale magnitudo non può provocare danni del genere”

Sono dure le parole rilasciate dal presidente del Consiglio nazionale dei geologi Francesco Peduto: “È francamente allucinante che un terremoto di tale magnitudo possa provocare danni e vittime nel nostro Paese. Che si conferma estremamente vulnerabile. Quello che lascia più interdetti è al mancanza di atti concreti per la prevenzione. Il governo – conclude – e il Parlamento si assumano la responsabilità di decidere senza farsi distogliere dagli interessi e lobby varie“.

Abusivismo edilizio, il sindaco di Ischia non ci sta: “Ora basta”

A tal proposito, la Procura di Napoli potrebbe aprire un’inchiesta contro ignoti per disastro colposo e omicidio colposo plurimo, così come confermato dal procuratore capo Giovanni Melillo: “Sono nel quadro ordinario delle valutazioni possibili in questo momento“, ha dichiarato ai microfoni di 6 su Radio 1. “Si tratta di un quadro complesso e bisognoso di approfondimenti“, ha aggiunto Melillo, che ha parlato anche del possibile legame tra il fenomeno dell’abusivismo edilizio e il crollo di alcuni edifici a Ischia dopo il sisma di lunedì sera: “Non sfuggono i costi sociali, che anche in queste occasioni si rivelano, di fenomeni gravi come quello dell’edilizia illegale e dell’abusivismo edilizio“.

Ma il sindaco di Ischia, Enzo Ferrandino, non ci sta e rigetta le accuse: “La nostra – ha affermato il primo cittadino – non è una collettività di abusivi. Ora basta. Dite come realmente stanno le cose. L’Isola d’Ischia non è un’isola terremotata, una diversa rappresentazione della vicenda sta arrecando più danni del terremoto“.

ultimo aggiornamento: 23-08-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X