Attimi di paura a Londra. Una scossa di terremoto è stata registrata vicino l’aeroporto di Gatwick. Non si registrano danni a persone o cose.

LONDRA (INGHILTERRA) – Nel primo pomeriggio di mercoledì 27 febbraio 2019 Londra ha tremato. A 3 km da Dorking, vicino all’aeroporto di Gatwick, è stata registrata una scossa di magnitudo 3.3. Tanta la paura tra i cittadini che hanno ammesso sui social di aver sentito la scossa ma per fortuna non sono stati registrati danni a persone o cose.

La capitale londinese non è una città ad alto rischio sismico ma quando ci sono questi eventi la paura tra le persone diventa la vera protagonista. Sono in corso tutti gli accertamenti per verificare la stabilità degli edifici ma secondo non ci dovrebbero essere particolari criticità. L’attenzione resta comunque alta visto che la faglia si è attivata e non sono escludono ulteriori movimenti di assestamento. La paura è tanta con i cittadini che si preparano a trascorrere una notte di terrore.

Vigili del fuoco
Vigili del fuoco

La terra trema a Londra, nessun problema a persone o cose

A Londra ritorna la paura terremoto. Nel pomeriggio di mercoledì 27 febbraio 2019 i media locali hanno parlato di una scossa di magnitudo 3.3 registrata nei pressi dell’aeroporto di Gatwick durata 4 o 5 secondi. Secondo una prima ipotesi effettuata dai vigili del fuoco non ci dovrebbero essere particolari problemi alle case e alle persone ma sono in corso tutti i controlli per verificare la stabilità degli edifici.

La città londinese non è a rischio sismico e quando ci sono eventi simili la paura tra i cittadini è sicuramente molta. Diverse le persone che hanno espresso il loro terrore sui social ma ora la situazione sembra essere tornata alla normalità. La faglia resta sotto controllo anche per verificare la possibilità di nuove scosse di assestamento che non dovrebbero creare particolari problemi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
aeroporto gatwick esteri londra terremoto

ultimo aggiornamento: 27-02-2019


Nigeria al voto, Buhari si conferma presidente

Manovra, Conte risponde all’Unione europea: Evitare l’errore di politiche recessive