Charles Leclerc costretto a cambiare la power unit dopo l’incidente con Stroll. Si tratta della terza unità in stagione.

ROMA – Charles Leclerc costretto a cambiare la power unit dopo l’incidente con Lance Stroll. La Ferrari ha confermato i danni irreparabili alla seconda unità stagionale sulla vettura del monegasco e prima della stagione sarà costretto a scontare una penalità per aver cambiato quattro volte il motore.

La terza unità, infatti, non potrà essere utilizzata per le prossime 12 gare e Leclerc molto probabilmente sarà costretto ad una gara di rimonta in futuro. Non sicuramente una buona notizia, la speranza è di trovare un circuito ideale per i sorpassi.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La nota della Ferrari

A comunicare il cambio di power unit è stata la Ferrari. “Dopo i controlli effettuati a Maranello sulla SF21 numero 16 – si legge nella nota riportata da La Gazzetta dello Sport è emerso che il motore è stato irrimediabilmente danneggiato nell’impatto con la Aston Martin di Lance Stroll e non potrà più essere riutilizzato“.

Per la Scuderia Ferrari e per il pilota – si legge ancora – si tratta di un ulteriore danno non soltanto economico ma anche sportivo, visto che assai probabile che nel prosieguo della stagione la squadra possa essere costretta a montare sulla SF21 di Charles una quarta ICE, con conseguente penalità sulla griglia di partenza“.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Gara in rimonta per Charles

Per Leclerc, quindi, una gara in rimonta. La Ferrari non ha ancora sciolto i dubbi su dove cambiare la power unit e proverà a concludere senza sostituire la terza unità. Si tratta di una impresa non semplice da portare a termine per diversi motivi e per questo a Maranello stanno ragionando sulla possibilità di individuare la pista giusta per il cambio.

E la stessa Rossa nella prossima riunione con gli altri team principal potrebbe proporre di pagare i danni dalle scuderie che li hanno procurati.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-08-2021


Ponte sullo Stretto, Giovannini: “La prima fase potrebbe concludersi entro la primavera del 2022”

MotoGP, l’annuncio di Valentino Rossi: “Smetto a fine stagione”