Per Tesla è un primo trimestre da record: il mercato cinese spinge le vendite, il titolo continua a sorridere in Borsa.

Il 2021 si apre all’insegna del successo per Tesla che si gode il momento positivo con ricavi in crescita del 74% e un utile netto che secondo le stime si aggira intorno ai 440 milioni. Leggermente inferiori rispetto alle previsioni, ma utili decisamente degni di nota per una casa automobilistica che molti davano sul viale del tramonto alla luce della concorrenza sempre maggiore.

Elon Musk
Elon Musk

Tesla, primo trimestre da record

Nel primo trimestre dell’anno Tesla ha consegnato 184.800 veicoli. Si tratta di numeri da record che confermano come la casa automobilistica occupi ancora un ruolo di leadership in un settore in continua crescita e in continuo mutamento. La miniera d’oro della società è la Cina. L’aumento delle vendite è legato, evidenziano gli esperti, al calo dei prezzi della Model S e della Model X. E i dati sembrano confermare una delle ipotesi sulle auto elettriche. Le vendite non decollano perché i prezzi sono ancora decisamente alti. Poco competitivi rispetto alle macchine a motorizzazione tradizionale.

Tesla
Fonte foto: https://twitter.com/Tesla

L’andamento in Borsa

Anche in Borsa la situazione è buona, a differenza di quanto ipotizzato da molti esperti che prevedevano una lenta e progressiva flessione della società sui mercati a partire dalla fine del 2020. In effetti negli ultimi mesi dell’ultimo anno la società ha vissuto un momento non propriamente positivo, salvo poi riprendersi e consolidare la propria posizione.

Elon Musk e la corsa verso Marte. “Qualcuno probabilmente morirà”

Elon Musk intanto continua a guardare a Marte, suo prossimo obiettivo dichiarato, e hanno fatto discutere le sue recenti dichiarazioni: “Porterò l’uomo su Marte con SpaceX, ma qualcuno all’inizio probabilmente morirà“. “Qualcuno non tornerà vivo, ma sarà una grande avventura e un’esperienza stupenda“, ha proseguito Elon Musk facendo sapere che comunque i benefici superano di gran lunga i rischi in quanto il futuro è rappresentato dalla conquista di Marte. “Nella storia ci sono state molte estinzioni di massa. Come uomini, abbiamo l’obbligo di assicurare alle creature del Pianeta Terra di continuare a vivere anche qualora ci fosse una calamità, naturale o provocata dallo stesso uomo“, ha concluso Musk.


Recovery plan, cosa c’è e cosa manca nel piano Draghi

Morto Angelo Rossignotti, con il padre guidò la Novi