I test di medicina sono iniziati tra controlli e proteste. Il messaggio del ministro Speranza per tutti i candidati.

ROMA – Iniziati i test di medicina. Venerdì 3 settembre 2021 hanno preso il via le prove per poter mettere le mani su uno degli oltre 15mila posti messi a disposizione per il prossimo anno accademico. I candidati, come riportato dall’Ansa, sono circa 77mila e a passare sarà solamente 1 su 5.

E’ stata una giornata sicuramente particolare con molti controlli per rispettare le norme anti-Covid. E non sono mancate le proteste contro il numero chiuso.

Proteste in tutta Italia

Le proteste in tutta Italia sono state organizzate dal Fronte della Gioventù Comunista. “La pandemia lo ha dimostrato – ha detto le parole del segretario nazionale, Lorenzo Lang – il numero chiuso va eliminato, visto che in questo periodo ne abbiamo pagato il prezzo. In Italia mancano medici e personale sanitario e nell’ultimo decennio sono stati chiusi più di 170 presidi ospedalieri (15%) e 800 poliambulatori“.

E nemmeno dopo 130mila morti in due anni si cambia rotta – ha aggiunto – perché da questo attacco alla sanità pubblica ci guadagna solamente il privato. Sono test che non hanno meritocrazia, anzi sono una lotterie che penalizzano chi parte più svantaggiato per ragioni sociali ed economiche. Lottare per abolirli significa volere una sanità e una università migliore“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

ragazza laurea università toga
ragazza laurea università toga

Il messaggio del ministro Speranza

Anche il ministro Speranza ha voluto inviare un messaggio a tutti i candidati che in questi giorni si apprestano a partecipare ai test di Medicina: “In bocca al lupo ai giovani che iniziano il loro percorso verso la facoltà di Medicina. E’ un impegno importante per il futuro di ciascuno di loro, ma lo è ancora di più per il futuro del nostro Sistema Sanitario Nazionale“. E chissà se in futuro lo stesso titolare della Salute non possa decidere di abolire i test per entrare a Medicina.


21enne ucciso a Taranto. Il fratello del fermato ferito qualche mese dopo in agguato

Scuola, i presidi: “Rischio emarginazione per i ragazzi non vaccinati”