I misteri sulla presunta aggressione a Mara Lapia continuano. Secondo alcuni testimoni è stata lei ad inseguire l’uomo e non viceversa.

NUORO – Le indagini sull’aggressione a Mara Lapia continuano anche se i misteri continuano ad essere sempre più fitti. Come riportato dal Corriere della Sera, la versione della deputata è stata smentita varie volte sia dai testimoni che da alcuni audio. La parlamentare ha dichiarato agli inquirenti di essere stata prima offesa, aggredita e minacciata da un uomo che ha identificato e denunciato. Da qui il successivo mancamento.

Mara Lapia
Mara Lapia (fonte foto https://www.facebook.com/maralapiam5s/)

Aggressione Mara Lapia, i testimoni raccontano una storia diversa

La versione di Mara Lapia non è stata confermata dai testimoni interrogati dalla polizia. Le due cassiere – sentite dagli inquirenti – hanno rivelato come la vicenda sia nata da un piccolo incidente. “Due lattine di Coca Cola – riferisce il Corriere della Serasono cadute sporcando i vestiti. Lei si è lamentata dicendo che erano dei capi costosi ed ci ha ripreso in maniera molto dura. Alle sue spalle c’era un signore che le ha chiesto di sbrigarsi e da qui è nato un piccolo diverbio con la deputata che ha minacciato una querela“.

Secondo un testimone all’esterno del supermercato, è stata la stessa parlamentare ad inseguire armata di telefono l’uomo che era alla cassa con lei. La madre del signore le ha messo una mano sulla spalla e lei si è accasciata per terra facendo finta di essere svenuta. Dichiarazioni che sono sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti che nei prossimi giorni cercheranno di chiarire maggiormente una vicenda che continua ad essere al momento ricca di mistero. L’unica cosa certa di questa aggressione è il referto medico.

La polizia potrebbe a breve riascoltare anche la donna per verificare con maggiore attenzione la sua versione che al momento non ha trovato riscontri.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/maralapiam5s/

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
aggressione cronaca Mara Lapia Nuoro

ultimo aggiornamento: 19-12-2018


‘Miracolo di Natale’ a Venezia: mamma partorisce in Taxi, vigilessa si improvvisa ostetrica

Torino, istigarono una ragazza al suicidio: reato estinto per i responsabili