L'uragano Harvey arriva in Texas. E' stato di massima allerta

Texas, stato di massima allerta per l’arrivo dell’uragano Harvey

Paura e evacuazioni di massa nello Stato meridionale degli Usa. L’uragano Harvey viaggia a oltre 200 km/h. Il presidente Trump ha dichiarato lo stato di calamità naturale.

TEXAS (USA) – Poche ore fa l’uragano Harvey è giunto in Texas, nel sud degli Stati Uniti, con venti di circa 200 km/h. In particolare, è stata colpita la zona a est di Corpus Christi tra Port Aransas e Port O’Connor. La furia dell’uragano ha lasciato oltre 200 mila abitazioni senza elettricità secondo quanto riferito dalla Ercot, l’azienda che distribuisce la corrente.

Evacuazione di massa

In migliaia hanno lasciato la costa del Golfo del Texas per cercare di sfuggire e di lasciarsi alle spalle la violenza del vortice. Le autorità locali hanno chiesto agli abitanti di Corpus Christie di far bollire l’acqua prima di berla. Il sindaco di Rockport, 50 chilometri da Corpus Christi, ha chiesto ai cittadini che hanno deciso di restare nelle loro case di scriversi il codice fiscale sulle braccia per rendere più semplice l’eventuale identificazione in caso restino vittime dell’uragano.

Stato di calamità

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dichiarato lo stato di calamità naturale. Il timore è che l’uragano è destinato a investire con tutta la sua forza un’area nella quale ci sono raffinerie e impianti chimici, col pericolo di inondazione a Houston, la quarta più grande città dello Stato. Il Governatore del Texas, Greg Abbott, ha dichiarato che l’uragano Harvey potrebbe causare “un disastro molto maggiore” rispetto il passaggio di uragani precedenti. Per la forza del ciclone, è stato paragonato a Katrina, che nel 2005 lasciò a terra oltre 1.800 morti dalla Florida alla Louisiana. Da Dennis Feltgen, portavoce e meteorologo del Centro Nazionale degli uragani, l’appello alla popolazione: “Sappiamo di avere milioni di persone che stanno per subire l’impatto di questo urgano. Noi preghiamo veramente che la gente stia ascoltando i responsabili dei servizi di emergenza e si metta al riparo dal pericolo“.

ultimo aggiornamento: 26-08-2017

X