Tra le forme di pignoramento concesse e attuate c’è anche quella del Tfr, Trattamento di Fine Rapporto. Come può avvenire tale tipologia di pignoramento.

Il Pignoramento

Prima di addentrarsi nel tema del pignoramento del Trattamento di Fine Rapporto conviene spiegare cosa sia il pignoramento in se stesso.

Attraverso la parola pignoramento si va ad indicare quella che più direttamente si può definire come l’espropriazione forzata di un bene.

Sul piano strettamente legislativo il pignoramento tranne che in rari casi particolari, è regolato dall’art. 492 del Codice di Procedura Civile.

Quando si parla di pignoramento si deve pensare che questo presenta sempre altre “mosse” prima della sua attuazione e che si propone successivamente a queste come un ingiunzione attraverso la quale un ufficiale giudiziario impone al debitore di evitare qualsivoglia atto che preveda la sottrazione della garanzia del credito dovuto e che riguardi i beni che si assoggettano all’espropriazione forzata, comprensivi dei loro frutti.

Si comprende che senza un debito maturato in una certa maniera e per periodi abbastanza lunghi (non saldato) non può sussistere alcuna tipologia di pignoramento.

Tfr e Pignoramento

Tra le misure di pignoramento fattibili per la Legge Italiana vi sono anche quelle connesse a:

– Stipendio

– Pensione

– Tfr

Praticamente tutte le somme derivanti da attività lavorativa autonoma sono sottoponi bili a pignoramento e tra queste rientra appunto anche il Trattamento di Fine Rapporto.

Anzi, va aggiunto che tale tipologia di pignoramento risulta preferita dagli Enti statali e non, visto che il prelievo avviene alla fonte.

In tutto ciò vanno però anche calcolate specifiche condizioni che possono essere di diverso tipo tra cui:

– Somme da prelevare per saldare il debito

– Beni mobili e immobili pignorabili

– Condizioni della persona insolvente

Quindi ci sono modalità specifiche differenti da caso a caso seppur sussistano specifiche cose pignorabili. Il sostentamento va sempre e comunque garantito al debitore, e almeno questo è un elemento da tenere in considerazione.

 


Padoan alla UE: “Consolidamento dei conti: lotta all’evasione e tagli di spesa”

Mutuo a tasso fisso, ripresa immobiliare e domande di prestiti