Toninelli attacca Salvini sul TAV: “La Lega ha cambiato idea sull’opera. L’opera è inutile e noi siamo sempre stati contrari”.

ROMA – Il ministro Toninelli attacca Salvini sul TAV. A margine di un incontro politico, il titolare del dicastero dei Trasporti ha duramente criticato la posizione del Carroccio sull’Alta Velocità.

Il MoVimento Cinque Stelle – sottolinea l’esponente grillino – è sempre stato contrario a un’opera politicamente inutile dal punto di vista ambientale e dannosa. Una ‘bidonata’ con costi enormemente superiori ai benefici. Chi ha cambiato idea è la Lega e Salvini dovrebbe chiarire sulla base di quali elementi lo ha fatto“.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Toninelli sul TAV: “Avremmo preferito usare i fondi per opere sul territorio”. E difende il premier Conte

Il ministro Toninelli precisa che “l’opera vedrà la luce tra 20 anni, quando chissà quali innovazioni ci saranno: come può essere conveniente se gli ingegneri dicono che non lo è. Avremmo preferito usare i fondi per opere sul territorio“. E il titolare del dicastero dei Trasporti ‘giustifica’ il premier Conte: “Lui difende l’interesse nazionale“.

Danino Toninelli
Danilo Toninelli

TAV, Di Maio e Toninelli attaccano Salvini

E’ stata una giornata (lunedì 29 luglio 2019 n.d.r.) di tensione nella maggioranza. Di Maio ha duramente attaccato la Lega su argomenti come TAV, autonomia e fondi ai partiti.

La prima resa dei conti ci potrebbe essere martedì 6 agosto quando in Senato si voterà il Decreto Sicurezza Bis. Il no a questo provvedimento potrebbe portare ad una caduta in anticipo da parte del Governo. Ma in caso di superamento di questo scoglio, l’esame è previsto per il giorno successivo quando, sempre a Palazzo Madama, è prevista la mozione per il TAV.

Giorni decisivi per questo esecutivo con il rischio delle elezioni che è sempre molto alto. La tensione tra Lega e M5s non si placa e la frattura sembra essere definitiva e soprattutto insanabile.

ultimo aggiornamento: 30-07-2019


Scuola, via libera del MEF all’assunzione di oltre 50mila docenti

Di Maio: “Ogni volta devo trovare l’intesa con quell’altro”. Salvini: “Mi chiamo Matteo”