Torino, avviso di garanzia per Chiara Appendino per Piazza San Carlo

Le ipotesi per la strage di Piazza San Carlo sono lesioni personali, omicido colpo e disastro colposo.

TORINO – Sono iniziati nella giornata odierna le notifiche dei provvedimenti giudiziari da parte della Procura per l’inchiesta sui fatti di Piazza San Carlo con varie ipotesi di accusa: lesioni personali, omicidio colposo e disastro colpo. La prima destinataria è una funzionaria del Comune che si occupò della serata del 3 giugno ma gli avvisi riguardano anche la sindaca Chiara Appendino e il questore Angelo Sanna. Sono indagati anche l’ex capo gabinetto Paolo Giordana, che si è dimesso una settimana fa per aver chiesto al presidente dell’azienda dei trasporti di togliere una multa ad un amico e il dirigente comunale Paolo Lubbia.

Chiara Appendino: “Massima collaborazione agli inquirenti”

Appena ricevuto l’avviso di garanzia la sindaca di Torino, Chiara Appendino, attraverso il suo account ufficiale di Twitter ha comunicato la sua massima collaborazione agli inquirenti per definire le responsabilità di ognuno. Nelle prossime ore il numero uno della capoluogo piemontese sarà ascoltata dai giudici dove si cercherà di mettere la questione in chiaro.

ultimo aggiornamento: 06-11-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X