Torino, Cairo: “Mai pensato di cacciare Mihajlovic. Niang? Diamogli tempo”

Il presidente granata: “Sinisa era in un momento di difficoltà personale, ma non abbiamo mai pensato di sostituirlo“.

Poco prima della sfida con l’Inter a San Siro, terminata con il risultato di 1-1, ha parlato ai microfoni di Premium Sport il presidente del Torino Urbano Cairo: “Sostituire Mihajlovic? Era una cosa a cui non pensavamo minimamente, era in un momento di difficoltà personale, dopo le due gare pareggiate e le due perse, anche non bene, con la Fiorentina. È chiaro che era abbacchiato, ma noi non abbiamo avuto mai un pensiero del genere, non abbiamo avuto l’intenzione di sostituirlo, lo abbiamo sempre appoggiato. Come penso sempre, il cambio di allenatore non è mai la cosa giusta da fare, poi con un tecnico come Mihajlovic che è apprezzato e seguito dalla squadra, non c’era alcun bisogno. Poi si è vinto con il Cagliari, ma non ho mai pensato a cambiarlo“.

Cairo dà fiducia a Niang

Il presidente granata ha quindi proseguito: “Credo che l’acquisto di Niang produrrà certamente risultati positivi. È arrivato due mesi con un ritiro a spizzichi e bocconi, non si allenava da 15 giorni, arrivava da un’annata in cui aveva giocato poco, e credo che la continuità sia fondamentale. Ha bisogno di qualche altra settimana per entrare in condizione e con lo strapotere fisico può avere la possibilità di fare la differenza. È un giocatore che ho sempre apprezzato moltissimo al Genoa e al Milan e io sono molto contento di averlo preso“.

ultimo aggiornamento: 05-11-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X