Torino, immigrato colpisce un poliziotto: collega lo ferisce con l’arma d’ordinanza

Durante un controllo nei pressi della stazione Porta Nuova a Torino, un 20enne somalo ha aggredito due poliziotti della Polfer con un forchettone. Uno è rimasto ferito, l’altro ha esploso un colpo di pistola che ha ferito l’immigrato.

TORINO – Da un semplice controllo è scaturito un grave episodio di cronaca che poteva finire anche peggio. Intorno alle 20.30 di domenica, due agenti della Polfer al rientro dal turno svolto alla stazione di Porta Nuova si sono imbattuti in un giovane, seduto sulle scale che portano agli uffici della Polizia ferroviaria. Il capo pattuglia, un sovrintendente, e l’agente hanno avvertito il ragazzo di non poter rimanere in quel posto, sul lato di via Nizza a Torino.

Incandescenza e aggressione

All’ordine dei poliziotti, il 20enne, un immigrato somalo, si sarebbe rifiutato di spostarsi. A quel punto sono iniziate le operazioni di controllo e di identificazione. Secondo alcuni testimoni, il giovane è andato in escandescenza, urlato contro gli agenti e estraendo dalla tasca un forchettone: l’oggetto è stato scagliato contro uno dei due poliziotti, ferito a una spalla. Il collega, per difesa, ha estratto l’arma d’ordinanza e ha aperto il fuoco.

La questura di Torino (fonte foto https://www.facebook.com/dinaprofessionalsrl/?hc_ref=ARQubMw7EbmW0tR5e7rx7HUBxYxDh3IodhftefRbC3E5vCIBANnGDILyX4KU6lPaTy8)

Il ferimento

L’immigrato, che a quanto pare sarebbe un richiedente asilo, è stato colpito a un fianco: il proiettile è uscito dalla coscia senza provocargli lesioni letali: il 20enne è ricoverato al Cto di Torino, sveglio e cosciente, e in stato di fermo. Il poliziotto rimasto ferito è stato trasportato al Mauriziano, dove è stato mediato e dichiarato guaribile in cinque giorni. L’area della stazione di Porta Nuova a Torino è stata isolata per i rilievi del caso.

ultimo aggiornamento: 30-07-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X