In un match dalle mille emozioni i nerazzurri non sono riusciti a dare continuità alla rincorsa Champions

Un pari che non muove molto la classifica dell’Inter e non stravolge quella anonima del Torino. All’Olimpico i nerazzurri erano chiamati a dare continuità alla propria rincorsa verso la Champions League del prossimo anno, ma dopo essere passati in vantaggio non sono riusciti a contenere la rimonta del Torino, dovendosi alla fine accontentare di un pareggio che potrebbe far allontanare Roma e Napoli, impegnate domani con Sassuolo ed Empoli.

Botta e risposta Kondo-Baselli

Gara viva fin dai primi minuti, con il Torino che si mostra coraggioso e per nulla voglioso di lasciare spazio all’ennesimo trionfo dell’Inter di Pioli. I nerazzurri passano comunque in vantaggio al 27′ con Kondogbia, che già in questo stadio era andato a segno lo scorso anno nell’unica marcatura in nerazzurro fino ad oggi: il suo sinistro, non irresistibile, sorprende un distratto Hart. Passano sei minuti e Baselli riporta il match in parità: da corner Moretti prolunga verso il centrocampista che di testa non può sbagliare.

Nuovo botta e risposta Acquah-Candreva

Nel secondo tempo le due squadre danno spettacolo, per nulla vogliose di accontentarsi di un pari poco utile. Il Torino spinge con maggior continuità, e al 59′ trova un gran gol con Acquah: girata di destro precisa del centrocampista ghanese che riesce a sorprendere Handanovic. Passano tre minuti e Candreva rimette il match sul binario del pari: traversone di Ansaldi, uscita a vuoto di Hart che favorisce l’ala ex Lazio. Nel finale entrambe le squadre ci provano in tutti i modi, ma il risultato non cambia. Finisce 2-2, con il Toro che festeggia l’ennesimo risultato utile allo stadio Grande Torino, mentre l’Inter vede probabilmente allontanarsi il sogno di un ritorno nell’Europa dei grandi.

Inter

ultimo aggiornamento: 18-03-2017


Galliani: “Stasera è una partita fondamentale, dobbiamo scalare un posto in classifica”

Milan-Genoa, le formazioni ufficiali: torna Mati Fernandez, in attacco c’è Lapa