Torino-Juventus, la conferenza stampa di Allegri: “Gara snodo del campionato”

La conferenza stampa di Allegri alla vigilia del derby Torino-Juventus: “Loro sono in forma, con Mazzarri non hanno ancora subito gol in casa“.

Alla vigilia del derby, Massimiliano Allegri si mostra sereno ma concentrato. Pochi giorni la delusione in Champions, la spina sembra essere stata riattaccata esclusivamente sul campionato, posticipando il pensiero europeo alle prossime settimane. Queste le parole in conferenza stampa del tecnico bianconero, riportate dalla Gazzetta dello Sport: “Questa è la gara snodo del campionato, per poi affrontare le restanti tredici partite in scia al Napoli. Ci vuole testa, tecnica e fisicità. La Champions non dev’essere un’ossessione, abbiamo le stesse probabilità di passare il turno di prima degli ottavi di andata. Tecnicamente quella col Tottenham è stata una delle peggiori partite, con il 55% di passaggi riusciti, solitamente siamo attorno al 70%. Al ritorno possiamo solo fare meglio, nonostante una serata storta abbiamo ancora grandi possibilità di passare il turno“.

Derby di Torino, la conferenza stampa di Allegri

Il tecnico bianconero si è quindi concentrato sul derby della Mole: “Mandzukic ha la febbre a 39, non ci sarà. A centrocampo giocano Pjanic e Khedira, il terzo lo decido domattina. Bernardeschi ieri ha accusato un affaticamento, ma è a disposizione. Gli altri saranno tutti a disposizione dalla prossima, tranne Cuadrado. Dybala c’è ma non giocherà dall’inizio. Domani riposa Buffon, come da programma. Il Toro è in buone condizioni, nelle cinque partite con Mazzarri ne ha vinte tre e pareggiate due, senza aver subito ancora un gol in casa. Mentalmente stanno bene, sono più compatti. Concedono poco, giocano meno aperti. Mazzarri ha dato concetti di gioco diversi, sarà una gara decisa da episodi. Ci conosciamo poco, siamo abbastanza diversi, ha sempre fatto ottimi risultati e ottenuto il massimo dalle sue squadre“.

Allegri e le frecciate a Sarri

Con un Napoli ormai a un passo dall’eliminazione europea, per alcuni gli azzurri si fanno più temibili in campionato. Allegri però non teme nessuno: “Il rumore dei nemici non lo sento, non li vedo. Giocare in Europa è sempre difficile, il Napoli ha trovato una bella squadra. Giocare prima non aumenta la pressione: c’è sempre sia che si giochi prima sia che si giochi dopo, è un cane che si morde la coda. Altrimenti andiamo ad allenare in Lega Pro e giochiamo ogni quindici giorni“.

ultimo aggiornamento: 17-02-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X