Tour de France 2017, Sagan vince a Lowny. Thomas rimane in giallo

Uno straordinario Peter Sagan ha deciso di lasciare il segno nella terza tappa del Tour de France 2017. Cambia la classifica generale.

chiudi

Caricamento Player...

Era il grande favorito per la vittoria sul traguardo di Lowny e Peter Sagan non ha sbagliato. Nonostante un problema ai pedali a pochi metri dal traguardo il campione del mondo in forza alla Bora-Hansgrohe è riuscito a resistere al rientro di Michael Matthews e di Daniel Martin andando a vincere la sua prima tappa in questo Tour de France 2017. Quinto il nostro Alberto Bettiol.

Fuga a 6 e poi a 9. L’ultimo ad arrendersi è stato Calméjane

La tappa odierna è stata caratterizzata da una fuga composta – nel corso dei chilometri – da 6 corridori: Nils Politt della Katusha-Alpecin, Adam Hansen della Lotto-Soudal, Romain Sicard della Direct Energie, Nathan Brown della Cannondale-Drapac, Frederick Backaert della Wanty-Groupe e Romain Hardy della Foruneto-Oscaro. A loro ai -60 si sono aggiunti Thomas De Gendt, Pierre-Louis Périchon e Lilian Calméjane. Con il passare dei chilometri e delle salite il tentativo perde uomini con quest’ultimo che si arrende solo in vista dei -10. Qui il gruppo comincia ad aumentare la velocità in vista dell’ultima salita dove ci prova Richie Porte chiuso immediatamente da Alberto Contador. Si arriva così alla volata con un gruppo formato da oltre 50 corridori con Peter Sagan che non sbaglia.

Geraint Thomas rimane in maglia gialla

Pochi problemi per Geraint Thomas che è rimasto in maglia gialla con dodici secondi sul compagno di squadra Christopher Froome e Michael Matthews. Il migliore degli italiani è Diego Ulissi al momento sedicesimo con 43 secondi di ritardo.

La presentazione della quarta tappa

Domani ritornano protagonisti i velocisti nella tappa che va da Mondorf-les-Bains a Vittel, lungo 207,5 km con l’unico Gran Premio di Giornata il Col des Trois Fontaines che terminerà quando mancheranno poco meno di 40 chilometri al traguardo. Difficile il compito della fuga con Marcel Kittel il grande favorito per la vittoria finale.