Patrick Konrad ha vinto la sedicesima tappa del Tour de France 2021. Secondo Colbrelli, ancora leader Pogacar.

SAINT-GAUDENS (FRANCIA) – La quiete prima della tempesta nella sedicesima tappa del Tour de France 2021. I big hanno deciso di non darsi battaglia, nonostante il percorso molto mosso, e la vittoria è andata a Patrick Konrad. L’austriaco è riuscito a tagliare il traguardo di Saint-Gaudens davanti ad un eccezionale Sonny Colbrelli e Michael Matthews, arrivati al traguardo con 42″ di ritardo dal vincitore. In chiave azzurra da segnalare l’ottimo decimo posto di Lorenzo Rota a 1’03” dal primo.

Big in attesa – Molti si aspettavano movimenti tra i big, ma nessuno ha deciso di rompere gli indugi definitivamente. L’arrivo è stato tagliato da tutti i pretendenti alla Maglia Gialla con 13’49” di ritardo dal vincitore. Ora per loro ci sono due frazioni decisive per il futuro di questo Tour.

Le classifiche

Conserva la Maglia Gialla Tadej Pogacar. Lo sloveno ha sempre un vantaggio di 5’18” su Rigoberto Uran e 5’32” su Jonas Vingegaard. Il migliore degli italiani è Mattia Cattaneo, dodicesimo a 14’45” dal primo posto. Ecco tutti i leader delle rispettive maglie:

Maglia Gialla – Tadej Pogacar
Maglia Verde – Mark Cavendish
Maglia a Pois – Wouter Poels
Maglia Bianca – Tadej Pogacar

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Tour de France
Fonte foto: https://www.facebook.com/letour/

La diciassettesima tappa

Il Tour de France entra nel vivo con la diciassettesima tappa. 178,4 km da Muret a Saint-Lary-Soulan, in una frazione divisa in due e destinata a dire molto in chiave vittoria finale. Dopo una prima parte senza particolari difficoltà, il gruppo dovrà affrontare il Col de Peyresourde il Col de Val Louron -Azet prima dell’ascesa del Col du Portet. Si tratta di tre scalate con pendenza media tra il 7% e l’8%.

Il terreno d’attacco a Pogacar c’è. Lo sloveno, almeno restando alle sue dichiarazioni, correrà in difesa visto il vantaggio che ha sugli avversari. Ma attenzione alla sua voglia di dimostrare la sua forza. Per questo motivo non possiamo escludere un suo attacco per chiudere definitivamente il discorso Maglia Gialla.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/letour/


Giochi olimpici, Mosca 1980: il boicottaggio dell’Occidente e dei Paesi arabi

Giochi olimpici, Los Angeles 1984: il boicottaggio comunista e l’impresa di Carl Lewis