Tragedia a Gaza: Israele uccide per errore tre ostaggi
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Tragedia a Gaza: Israele uccide per errore tre ostaggi

carro armato nella guerra Israele-Hamas

Proteste scuotono Tel Aviv in seguito all’errore delle forze israeliane, l’errore di Israele costa caro a tre persone.

Israele, nella zona di Shujaiyeh, un tragico errore ha portato alla morte di tre ostaggi israeliani per mano delle proprie forze armate. I nomi delle vittime sono stati rivelati: Yotam Haim, originario del kibbutz Kfar Aza; Samer Talalka, del kibbutz Nir Am; e Alon Shamriz, 26 anni, proveniente dal Kibbutz Kfar Aza. La famiglia di un’altra vittima ha richiesto riservatezza sulla sua identità.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Il portavoce delle Forze di Difesa Israeliane (IDF), Jonathan Conricus, ha ammesso l’errore e ha dichiarato che l’incidente è sotto indagine. Ha spiegato che l’errore di identificazione è avvenuto per due motivi: gli ostaggi indossavano abiti civili e, in quel momento, si verificavano scontri tra le truppe israeliane e i combattenti di Hamas nella zona.

carro armato guerra Israele-Hamas
carro armato guerra Israele-Hamas

Reazioni e proteste a Tel Aviv

L’annuncio dell’IDF ha scatenato ondate di proteste a Tel Aviv, dove centinaia di persone si sono radunate davanti alla base militare di Kirya. I manifestanti, esprimendo indignazione e dolore, hanno esposto cartelli con i nomi e le foto degli ostaggi, chiedendo il rilascio immediato di altri prigionieri.

La posizione della Casa Bianca

La Casa Bianca, attraverso il consigliere alla Sicurezza nazionale John Kirby, ha espresso profondo cordoglio per l’accaduto, definendo la morte degli ostaggi un “tragico errore”. Kirby ha sottolineato la necessità di cautela nell’analisi delle dinamiche dell’operazione e delle circostanze che hanno condotto a questo fatale sbaglio.

Questo incidente solleva questioni urgenti sulla sicurezza e sulle procedure militari, evidenziando la necessità di una maggiore cautela e precisione nelle operazioni militari, specialmente in contesti altamente volatili come quello di Gaza. La comunità internazionale osserva con preoccupazione, sperando che simili tragici errori possano essere evitati in futuro.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2023 10:21

Feltri affonda la Cina: “Fuori dagli affari Ucraini”

nl pixel