L’intera regione del Piemonte in lutto per la tragedia Mottarone. Domenica 30 maggio il ricordo delle vittime.

TORINO – Piemonte in lutto per la tragedia del Mottarone. A distanza di una settimana dall’incidente, il governatore Cirio ha invitato tutta la popolazione ad osservare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime alle ore 12 di domenica 30 maggio. Manifestazione di cordoglio che riguarderà anche gli enti pubblici piemontesi.

Per stringersi alle famiglie delle persone coinvolte in questa tragedia la bandiera italiana, della Regione Piemonte e dell’Unione Europea saranno esposte a mezz’asta. “Nulla può lenire il dolore – il commento di Cirio – ma sentiamo il bisogno di ricordare in modo solenne coloro che hanno perso la vita in questa follia. Il Piemonte non smetterà mai di stringersi alle loro famiglie e al piccolo Eitan“.

Cirio: “E’ un momento triste per la nostra regione”

Una giornata di lutto fortemente voluta dal presidente Alberto Cirio. “E’ un momento triste per noi – il pensiero del governatore riportato dal sito ufficiale della Regionedomenica era il giorno della ripartenza, l’occasione per riassaporare il primo scampolo di vita normale. Il destino lo ha fatto coincidere con una tragedia immane. In attesa che si chiarisca la verità, che dovrà essere chiarita con tutti i mezzi, apprezziamo che la Procura abbia subito aperto un’inchiesta e che il ministro dei Trasporti abbia istituito una commissione di indagine […]“.

Ho visto nei giorni scorsi il piccolo Eitan – ha aggiunto – il suo nome in ebraico vuol dire forte. Credo che in questa parola noi dobbiamo davvero trovare la forza per superare il momento così doloroso. Siamo vicini a tutti i familiari e a questo bambino che sta lottando per tornare alla vita“.

Funivia
Funivia

Il Piemonte si ferma

E per omaggiare le vittime il Piemonte si ferma. Giornata di lutto il 30 maggio con un minuto di silenzio che sarà rispettato alle ore 12 da tutta la popolazione.


Ragazzi sequestrati e torturati, arrestati due fratelli della famiglia Spada

E’ morto Paolo Maurensig, l’autore de ‘La Variante di Luneburg’