Trattativa Fca-Renault. le condizioni del governo francese

Fca-Renault, Parigi chiede garanzie

Trattative per la fusione tra Fca e Renault, il governo francese pone le sue condizioni per portare a termine l’operazione. Nelle prossime ore la risposta dal Cda della cada automobilistica francese.

Proseguono le trattative tra Fca e Renault per quella che, se dovesse andare in porto, sarebbe una delle operazioni più importanti nella recente storia dell’economia e dell’industria dei motori.

Trattativa Fca-Renault, il governo francese incontra John Elkann

L’ultima tappa della trattativa, complessa e delicata per la posta in palio, è rappresentata dall’incontro tra il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire il John Elkann, numero uno di Fca.

Le preoccupazioni di Parigi riguardano principalmente i posti di lavoro e la condizione degli azionisti di Renault. Il governo francese chiede in sostanza che non vengano tagliati posti di lavoro in Francia e che la sede della nuova società che nascerebbe sia a Parigi. L’ultima richiesta è che agli azionisti della Renault sia riconosciuta un dividendo straordinario. Ultima condizione posta dalla Francia è che il governo abbia un posto riservato all’interno del Consiglio di Amministrazione.

Fca
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/FCA-Fiat-Chrysler-group

Riflessioni in casa Fca

Elkann ha preso nota delle richieste e le ha presentate ai suoi. Il governo francese ha posto una serie di paletti scomodi che avrebbero complicato i piani di Fca. La società italo-americana è intenzionata a trovare una soluzione pur senza stravolgere il proprio piano originario. Le condizioni di Parigi hanno sortito un effetto positivo sulla Borsa con le quotazioni della casa automobilistica del diamante che hanno guadagnato quasi due punti percentuali.

La posizione del governo italiano

Resta da capire se di fronte l’intervento diretto e discriminante da parte del governo francese, quello italiano abbia intenzione di approfondire la vicenda. In molti hanno fatto sapere di ritenere opportuno un incontro con i vertici e/o gli azionisti per fare il punto sulle trattative.

La risposta del Cda Renault

Nella giornata di martedì 4 giugno dovrebbe arrivare una risposta da parte del Cda della Renault alla proposta avanzata da Fca.

ultimo aggiornamento: 03-06-2019

X