Trecento nuovi negozi Kiko entro il 2023. E’ questa la nuova ‘scommessa’ della multinazionale.

ROMA – Trecento nuovi negozi Kiko entro il 2023. E’ questa la nuova scommessa dell’azienda per reagire alle perdite dovute alla pandemia. Mentre alcuni hanno deciso di chiudere i propri negozi, la multinazionale ha preferito aprire ad una strada inedita: dare vita a nuovi store per aumentare anche i posti di lavoro.

La multinazionale ha assicurato che cento nuovi negozi saranno aperti nel 2021, mentre gli altri nel biennio successivo.

L’ad di Kiko: “Il 2018 e il 2019 sono stati due anni di svolta”

A commentare la decisione è stata Cristina Scocchia, ad di Kiko, ai microfoni de Il Sole 24 Ore: “Il 2018 e il 2019 sono stati due anni di svolta con il ritorno alla crescita che è stato fondamentale non solo perché abbiamo raddoppiato l’Ebitda in due anni, ma anche e soprattutto perché questo turnaround ci ha permesso di gettare le basi strategiche che si sono rilevate essenziali per essere resilienti durante la pandemia. Innovazione di prodotto, digitalizzazione dell’azienda e crescita dell’e-commerce, non solo diretto, ma anche su marketplace come Tmall, Amazon, Zalando, ma anche locali Nikka e Myntra in India“.

Kiko
fonte foto https://www.facebook.com/KikoMilanoIT

Kiko si espande

Tra i progetti di Kiko anche l’espansione verso Est, Medio Oriente e Asia. “Tutto questo ci ha fatto trovare preparati alla tempesta inaspettata della pandemia – ha ammesso Scocchia – nei primi due mesi abbiamo chiuso il 99% dei nostri negozi, nella seconda ondata solo il 40%. Siamo costretti a ricorrere agli ammortizzatori sociali sia per il personale di sede che dei negozi […]. Il 2020 lo abbiamo chiuso in negativo. Ma quello che per noi conta è reagire immediatamente“.

Da qui la decisione di aprire trecento nel prossimo triennio. Una scommessa sicuramente importante che potrebbe l’azienda ad espandersi e a diventare leader del settore nonostante una pandemia che ha messo in ginocchio un intero settore.


Decreto Sostegno, sospensione delle cartelle fino al 30 aprile

Il piano di Intesa Sanpaolo per il rilancio delle pmi