Fischi in Aula per Tria, il Ministro: nessuna manovra correttiva

Tria contestato in Aula, il Ministro dell’Economia sottolinea: quelle dell’Istat sono stime preliminari. Poi assicura: nessuna manovra correttiva.

Continuano ad arrivare previsioni negative sulla crescita economica dell’Italia. L’ultima bocciatura arrivata dalla Commissione europea che ha tagliato le stime di crescita dell’economia italiana. A farne le spese il ministro dell’Economia Tria, fischiato e contestato in Aula.

Parlamento
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati/

Tria: Pil diminuito? Si tratta di una stima preliminare

In occasione del suo intervento in Aula, il Ministro dell’Economia Giovanni Tria ha voluto sottolineare come quelle dell’Istat siano stime preliminari.

“Con la pubblicazione della stima preliminare dei conti trimestrali per il quarto trimestre 2018 l’Istat ha reso noto che il Pil reale è diminuito dello 0,22% facendo seguito alla marginale flessione del terzo trimestre.

Sottolineo che si tratta di una stima preliminare, che segnala una fase di cosiddetta recessione tecnica. La flessione cumulata è comunque limitata a 0,36 punti percentuali” quindi si può parlare “di battuta d’arresto più che di vera recessione”.

Nella parte conclusiva del suo intervento, Tria ha avuto un alterco con un deputato di Fi. Necessario l’intervento del presidente della Camera Fico che ha richiamato all’ordine il numero uno del Mef.

Giovanni Tria
fonte foto https://twitter.com/Assolombarda

Tria assicura: rallentamento dell’economia non comporterebbe necessità di una manorva

Il ministro Tria ha poi voluto sottolineare come un rallentamento dell’economia italiana non comporterebbe comunque una revisione della manovra. Nel corso del suo intervento Tria ha parlato anche dei cantieri, augurandosi una rapida riapertura. Probabilmente si tratta di un riferimento alla Tav. Se così fosse la Lega di Salvini troverebbe un valido alleato al Mef.

ultimo aggiornamento: 07-02-2019

X