Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, esorta la maggioranza di Governo a concentrarsi sulla crescita.

ROMA – Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha rilasciato un’intervista a La Repubblica nel giorno in cui è stato presentato in Parlamento il Def,
Documento di economia e finanza.

Responsabilità e crescita

Il responsabile di via XX Settembre ha dichiarato: “La maggioranza di Governo ha un grande capitale politico, e quindi una grande responsabilità, che deve mettere al servizio della crescita. Il Def produrrà più scontenti a Roma che a Bruxelles”.

Giuseppe Conte Matteo Salvini Luigi Di Maio
Roma 05/06/2018 – Senato della Repubblica voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte-Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Saldi invariati

Tria ha poi spiegato: “I provvedimenti economico del Governo saranno essenzialmente a legislazione invariata, escluso l’impatto delle misure sulla crescita che stiamo varando. Si specificherà che si sta lavorando perché la legge di Bilancio accolga una continuazione della riforma fiscale nella direzione del programma di governo e nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica. Evidentemente si tratta di una manovra complessa che dovrà toccare sia il lato delle entrate sia il lato delle spese“.

Flat tax, sì condizionato

Tra i temi più caldi (e molto caro a Salvini) c’è la Flat tax. A tal proposito, Tria ha messo in chiaro le cose: “Gli obiettivi di finanza pubblica fissati dal Def sono quelli entro cui bisognerà operare“. In pratica, l’intervento richiede 12-15 miliardi e, pertanto, occorrerà tagliare le spese per una cifra di pari entità.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
def economia flat tax Giovanni Tria governo ministro dell'economia

ultimo aggiornamento: 09-04-2019


Salvini risponde a Di Maio: scortesie? Quando ha incontrato i gilet gialli non ho commentato

Europee, Giorgia Meloni candida Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del Duce