Giallo a Pisa, trovato il cadavere di una donna in un supermercato

Giallo a Pisa, trovato il cadavere di una donna in un supermercato

Trovato il cadavere di una donna in un supermercato a Pisa. Sul corpo non sono presenti segni di violenza, possibile un malore.

PISA – E’ stato trovato il cadavere di una donna in un supermercato a Pisa. A lanciare l’allarme una guardia giurata che durante un controllo ha rinvenuto il corpo senza vita nel bagno della struttura. Secondo una prima ricostruzione il decesso potrebbe risalire al pomeriggio di sabato visto che nella giornata odierna il supermercato era chiuso.

La Procura ha aperto un’inchiesta e ordinato l’autopsia sul corpo della donna per stabilire le cause del decesso. Nessuna pista è esclusa anche se al momento l’ipotesi più probabile sembra essere quella di un malore.

Trovato il cadavere di una donna in un bagno di un supermercato

Il corpo della donna, fanno sapere gli inquirenti, non presentava segni di violenza e nel bagno non sono state trovate tracce di sostanze stupefacenti. Per questo non è da escludere un malore improvviso che non ha permesso alla vittima di chiedere aiuto.

Il magistrato ha autorizzato l’autopsia sul corpo per accertare le cause della morte ma anche il giorno. Secondo i Cobas, infatti, il cadavere potrebbe essere lì da venerdì scorso. La Procura ha aperto un fascicolo anche se nessuno risulta essere iscritto sul registro degli indagati.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

Indagini in corso

Gli inquirenti nelle prossime ore ascolteranno gli amici, i parenti della 32enne ma anche i proprietari e le commesse del supermercato. La scomparsa della donna era stata denunciata la madre nella giornata di sabato. Il genitore aveva detto ai carabinieri di non avere notizie dalla figlia ormai da diversi giorni e per questo si poteva trattare di un allontanamento volontario.

L’autopsia potrà chiarire meglio le cause che hanno portato alla morte della donna. Gli inquirenti pensano ad un malore ma non escludono nessuna ipotesi almeno fino a quando non si hanno prove certe.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it

ultimo aggiornamento: 02-09-2019

X